Falò di Sant'Antonio a Morimondo
Falò di Sant'Antonio a Morimondo

Milano, 7 gennaio 2019 - Immancabile, nel mese di gennaio, il tradizionale falò di Sant'Antonio. Tra le tradizioni della Lombardia che non dimentica, e smentendo ancora una volta il pregiudizio che la vuole solo industrializzata, la festa di S. Antonio Abate, protettore degli animali e di chi coltiva la terra, è tra quelle che, in alcuni comuni viene ricordata con un impegno particolare.  La tradizione dei falò è collegata alla ricorrenza liturgica di Sant’Antonio Abate, patrono di macellai e salumai, di contadini ed allevatori e protettore degli animali domestici. La ricorrenza, nello specifico, cade il 17 gennaio e tramanda l’antica tradizione, anche con influssi celti, quando le campagne del contado venivano illuminate da una moltitudine di falò. Le fiamme avevano un valore di purificazione ed erano propiziatrici per il nuovo raccolto. Si bruciavano anche le sofferenze e i dolori dell’anno precedente, simbolicamente.

 

Cascina Linterno, falò sant'AntonioMILANO

E’ anticipata rispetto alla data del 17 gennaio, sull’aia e nel cortile di Cascina Linterno (Parco delle Cave), in via Fratelli Zoia 194, la Festa contadina del falò per Sant’Antonio Abate, proposta domenica 13 gennaio nell’ambito del Progetto “AgriCultura”. Nel pomeriggio spazio al mercatino agricolo con la benedizione degli animali domestici e all’imbrunire accensione della grande catasta, tra balli, musica, vin brulè, dolcetti e tè caldo. Si rinnova una delle tradizioni popolari e culturali più antiche e radicate del mondo contadino. Con la partecipazione di diverse associazioni e realtà. A cura Amici della Cascina Linterno. Ore 16-21. Ingresso libero.

Falò di Sant'Antonio rinviato di una settimana a Cantalupo di Cerro Maggiore dove il circolo culturale Il Campanile organizza l'atteso fuoco per sabato 26 gennaio, alle 21 nell'area divertimenti di via Risorgimento. La cittadinanza è invitata a portare i propri desideri da gettare nel fuoco su foglietti di carta. 

Come da tradizione, torna anche quest'anno il 17 gennaio, dalle 20, il Falò di Sant’Antonio a Corbetta. Torna il tradizionale appuntamento del Comitato Rione Malpaga e della Pro Loco organizzano per la festa di Sant'Antonio durante la quale non mancano panini con salamelle, patatine e vin brulé.

Domenica 20 gennaio 2019 a Morimondo si fa festa attorno al Falò di Sant'Antonio Abate.

Protagonista della manifestazione della terza domenica di Gennaio il magico falò dedicato a Sant’Antonio: un avvenimento molto sentito ed una domenica 20 gennaio con un programma semplice ma molto atteso così come il  rito del fuoco (alle 16:30 alla sede della Pro Loco di via Sant’Attilio) capace di trasportare il pubblico in un viaggio indietro nel tempo. Il crepitio delle fiamme per Sant’Antonio Abate, patrono degli animali: in questi giorni di gennaio, il parroco usava andare nelle cascine per benedire gli animali nelle stalle e propiziare un’annata proficua. A Morimondo quest’avvenimento si ripete da molti decenni in questo piccolo borgo così suggestivo alle porte di Milano per assistere al Falò  una tavolata ricca di dolci, chiacchiere e tortelli compresi, cioccolata e vin brulé per rifocillarsi e celebrare insieme questa festa.

 

9 - Castagne e vin brulè a BaccanelloBERGAMO

Orezzo festeggia Sant'Antonio Abate con la tradizionale sagra. Mercoledi 16 gennaio, alle 20.30: fuochi d’artificio; mentre alle 21, falò della vigilia presso il campo sportivo dell’Oratorio con vin brulé e bevande calde, accompagnati dal gruppo fisarmoniche “Duo Mazzola“. Govedi 17 gennaio, alle 10 Santa Messa e benedizione autisti en alle 15.00: Santa Messa celebrata dal Vescovo di Bergamo S.E. Mons. Beschi e processione con la statua del Santo, benedizione del sale. Alla sera presso la Penzana dalle 19: assaggi prodotti caseari a km 0 con Valentino; alle 20.30: Musica e karaoke. Domenica 20 gennaio, alle 9.30: S. Messa e a seguirecTradizionale incanto di prodotti locali e attrezzi agricoli; alle 12.30: pranzo presso le ex-scuole di Orezzo; alle 15.45: concerto della Banda Cittadina di Gazzaniga presso la Chiesa Parrocchiale di Orezzo.

Si celebra anche quest'anno nel Comune di Peia la Festa di S.Antonio Abate e offerta della cera. La festa di S. Antonio Abate, legata all'antica cultura contadina, con la benedizione di animali e veicoli (il 17 gennaio), è preceduta la vigilia dai Falò nelle varie contrade e seguita, nella domenica successiva, dal tradizionale e suggestivo rito dell'offerta della cera: quest'ultima in particolare, chiamata anche "Incanto del cero", consiste nell'offerta di ceri decorati da parte di contrade, associazioni e famiglie.

 

Casoncelli (Foto tratta da www.rifugilombardia.it)BRESCIA

Dal 4 al 31 gennaio, Sagra dei Casoncelli e Festa di Sant'Antonio. Un grande evento per il comune di Pontoglio: non solo si festeggia Sant'Antonio ma anche si celebrano anche i prelibati "casoncelli". Per l'occasione sia i ristoranti che le famiglie di Pontoglio preparano i casoncelli di varia fattura e con differenti ripieni: alla carne, con ricotta e spinaci, di zucca, con crudo e noci. Una prelibatezza che tutti gli abitanti della cittadina bresciana gustano rigorosamente in famiglia il 17 gennaio, per una tradizione che si perde nella notte dei tempi. Vuisto il grande successo delle scorse edizioni, quest'anno la manifestazione dura fino alla fine di gennaio.

 

Un trattoreCOMO

Erba Superiore si prepara a festeggiare la Fiera di Sant’Antonio: tre giorni all’insegna della tradizione, tra celebrazioni religiose, bancherelle, parco giochi e tanti altri intrattenimenti che ogni anno attirano in città centinaia di visitatori. L’edizione 2019 inizierà il 13 gennaio, per poi proseguire il 17 (giorno di Sant’Antonio) e terminare il 20. Dopo lo scioglimento del Comitato per la Fiera di Sant’Antonio la ‘regia’ della manifestazione è passata nelle mani del Comune di Erba, in collaborazione con la Parrocchia di San Cassiano a Buccinigo. L’evento è patrocinato da Regione Lombardia e Provincia di Como. Torneranno così il parco divertimenti con le giostre, le bancherelle dove poter degustare ottime frittelle, caldo vin brulè e tanto altro, il tradizionale ‘falò del purcel’, in programma la sera del 17 gennaio alle ore 21, e la sfilata dei trattori del Club Auto Amarcord di Erba di Pasquale Lioni che animerà la città l’ultimo giorno della festa, il 20 gennaio e culminerà con la benedizione.

 

Un falò di Sant'AntonioCREMONA

Il 17 gennaio, a Volongo, si festeggia Sant'Antonio Abate. La sera, i giovani accendono un gigantesco falò con quintali di legna, e vi bruciano il pupazzo di una vecchia di paglia. Come in molti altri luoghi, il rogo della vecchia simboleggia l'inverno che sta per terminare. A completare la festa vin brulé, torta dura, dolci e altro.

 

LECCO

Torna il tradizionale Falò di Sant'Antonio con giochi e danze popolari. In ricordo di una tradizione contadina, si bruciano fascine di legna per scacciare i guai e le malvagità e per scongiurare un cattivo raccolto. Ogni anno il 17 gennaio a Casatenovo, come nel resto d'Italia, si festeggia questa ricorrenza.

 

Offelle di ParonaLODI

Il 17 gennaio, a Sant'Angelo Lodigiano si celebra Sant'Antonio Abate. La festa culminerà come ogni anno con la benedizione degli animali sul sagrato della basilica cittadina e la distribuzione delle offelle tipico dolce lodigiano.

 

 

MANTOVA

Domenica 13 Gennaio, alle 10, SantaMessa in località Lavacchiello – S. Pietro di Asola (Mn) . Seguirà benedizione mezzi agricoli . Giovedì 17 Gennaio ore 20,30 Accensione del Falò . Durante la serata verranno offerti prodottitipici e ricca lotteria Gastronomica.

I falòMONZA

La Sagra di Sant'Antonio è una delle ricorrenze tradizionali più sentite a Vimercate. Si tiene ogni anno, nella settimana del 17 gennaio, giorno in cui il calendario gregoriano ricorda il Santo Abate. La festa affonda le sue radici nella storia contadina di Vimercate e di tutta la Brianza, dove Sant'Antonio era venerato come protettore del raccolto dei campi e degli allevamenti. Programma del giorno di Sant'Antonio: 17 gennaio: alle 9.30 Messa e benedizione del pane (Chiesa S. Antonio); alle 10, vendita tortelli con Enaip (via Cavour, 51); alle 15.30: benedizione con la reliquia del Santo (Chiesa S. Antonio); alle 20.15 estrazione biglietti (piazza Roma) e alle 20.45 Aspettando il falò.

Il 19 gennaio, Falò di Sant’Antonio a Lissone: tradizionale falò organizzato dal Gruppo Alpini Lissone con distribuzione panettone, te caldo e vin brulé, accompagnamento musicale della Banda di Lissone

 


Un piatto di trippaPAVIA

Manifestazione in onore a Sant'Antonio Abate, con benedizione degli animali, mezzi agricoli, sfilata di cavalli, fuoco e riffa di Sant'Antonio a Casorate Primo, nel Pavese. Prevista la presenza di bancarelle con prodotti tipici e artigianali, degustazione con asporto di prodotti del territorio (trippa, cassoela, cotechino, marzapane, pane con l'uva e altro. Con il patrocinio del Comune della Città di Casorate Primo e in accordo con la Parrocchia Prepositurale San Vittore, la Contrada organizza la tradizionale sfilata con benedizione degli animali ed atrezzi agricoli. Al termine Falò di Sant'Antonio ed estrazione della riffa. La manifestazione si svolge in via Garibaldi nei pressi della chiesetta del 1400. La domenica prima del 17, giorno "ufficiale" del Santo, si svolge una competizione sportiva. (Nel caso il 17 cada di domenica, la domenica precedente si svolge la gara).

 

Un falò accesoVARESE

A Varese c'è un ricco programma anche per i giorni che precedono la festività di Sant'Antonio. Per tutta la durata della manifestazione potrete trovare anche un mercatino di artigianato ed un banco gastronomico con prodotti tipici locali. Domenica 13 gennaio, alle 16, presso la Chiesa di Sant’Antonio Abate, concerto per Sant’Antonio con  ingresso libero. Mercoledì 16 gennaio, sempre presso la Chiesa di Sant’Antonio alle ore 10.30 celebrazione eucaristica e benedizione delle candele. Alle 18.00 celebrazione eucaristica. Alle 21,  in piazza della Motta, il suggestivo Falò di Sant’Antonio, acceso alla presenza delle autorità cittadine. Giovedì 17 gennaio 2019 Festa patronale della comunità pastorale. Celebrazioni eucaristiche alle 8, 9 , 10, 11 e 18. Alle 12 benedizione degli animali e dei pani e lancio dei palloncini.

A Saronno la festa di Sant'Antonio dura un’intera settimana. Si parte sabato 12 e si concluderà giovedì 17 gennaio con il tradizionale falò. Animazione, piatti tipici, mostre e molto altro animerà la città di Saronno durante questa festa.

Falò il 16 gennaio a Cadegliano Viconago, con messa e benedizione degli animali il 17 gennaio presso la chiesa medievale di Sant’Antonio.

A Besozzo il falò di Sant'Antonio è in programma la sera di domenica 20 gennaio nella piazza del Comune. 

A Viggiù festa in centro paese dal 12 al 20 gennaio, con una settimana ricca di iniziative. Sabato 19 gennaio il clou con i fuochi d’artificio.