Elezioni comunali (Newpress)
Elezioni comunali (Newpress)

Milano, 27 maggio 2019 - Dopo le Europee, ecco i risultati delle elezioni comunali: la metà dei Comuni italiani si è recata alle urne per rinnovare il sindaco e il consiglio comunale. In totale, secondo i dati del Ministero dell'interno, 3 milioni 425mila 673 lombardi hanno avuto diritto di voto per questa tornata elettorale. Si è votato in 34 comuni con popolazione legale superiore alla soglia dei 15mila  abitanti e per i quali viene applicato il sistema elettorale maggioritario a doppio turno. Il Comune con più aventi diritto è stato quello di Bergamo con oltre 93mila iscritti alle liste elettoriali. Il più piccolo Pedesina, in provincia di Sondrio, con 51 elettori. Sono state le prime elezioni per i nuovi comuni di Borgocarbonara (Mantova), Cadrezzate con Osmate (Varese), Colli Verdi (Pavia), Piadena Drizzona (Cremona), Solbiate con Cagno (Como) e Vermezzo con Zelo (Milano) nati per fusione di precedenti comuni. La Lombardia è stata la regione con il maggior numero di comuni al voto e la terza come percentuale (circa il 65%) sul totale dietro a Emilia Romagna e Piemonte.

Nei tre Comuni lombardi capoluoghi di provincia chiamati a rinnovare le amministrazioni comunali centrodestra e centrosinistra si sono spartiti il bottino. Al governo di Bergamo è rimasto Giorgio Gori, già candidato del Pd alla Regione Lombardia, cheha vinto con oltre il 55% delle preferenze, mentre lo sfidante del centrodestra, Giacomo Stucchi, per anni parlamentare del Carroccio e ex presidente del Copasir, si è fermato al 39%, ammettendo la sconfitta con un post su Facebook, mentre Gori è sceso  in piazza a festeggiare con i suoi sostenitori. A Pavia si è imposto con il 53% invece Mario Fracassi, candidato del centrodestra, mentre il centrosinistra rappresentato da Ilaria Cristiani si è fermato al 30%. Il sindaco uscente, Massimo Depaoli, dimessosi lo scorso 12 aprile e presentatosi con una propria lista civica, non è arrivato oltre l'8,9%. A Cremona invece si tornerà alle urne tra due settimane, con il centrosinistra del sindaco uscente Gianluca Galimberti, avanti sul centrodestra di Salvatore Carlo Malvezzi di circa 5 punti percentuali, 46% contro 41%.

In Lombardia si è votato in 990 comuni, di cui 34 sopra i 15 mila abitanti. In diversi di questi sono stati riconfermati i sindaci uscenti: è il caso di Suzzara, in provincia di Mantova, dove è stata riconfermata la guida di centrosinistra, che mantiene anche Cesano Boscone, Cornaredo e Trezzano sul Naviglio, tutti in provincia di Milano, dove si trova anche Lainate, che conferma il candidato del Polo Civico, Andrea Tagliaferro, appoggiato dal sindaco uscente, Alberto Landonio. In provincia di Como, il centrodestra invece ha mantenuto Cantù, con l'attuale vicesindaco Alice Galbiati, mentre ha strappato Mariano Comense al centrosinistra, con Giovanni Alberti eletto al primo turno.

Tra i principali Comuni con piu' di 15 mila abitanti, si andrà invece al ballottaggio a Dalmine, con il centrodestra in grande vantaggio sul centrosinistra del sindaco uscente Lorella Alessio, a Lumezzane, in provincia di Brescia, anche qui con il candidato sostenuto da Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia in vantaggio di 17 punti (47% a 30%) sul centrosinistra del sindaco uscente Zani. Ballottaggio tra centrodestra e centrosinistra anche per le amministrazioni della provincia di Milano di Paderno Dugnano, dove e' avanti il centrodestra, e di Rozzano, dove in testa c'e' il centrosinistra. Rischia infine di saltare l'amministrazione del centrosinistra a Muggiò, in provincia di Monza Brianza, dove il sindaco uscente, Maria Arcangela Fiorito e' sotto di 5 punti (41% a 47%) nei confronti di Pietro Zanantoni del centrodestra.
 

AFFLUENZA - L'afflluenza in Lombardia per le elezioni comunali è stata del 68,9%. Alle 12 era del 23,6% e alle 19 del 56,5%.

I RISULTATI DELLE EUROPEE

LA MAPPA INTERATTIVA

 

ECCO LE PROVINCE AL VOTO -

MILANO – Sono stati 68 i comuni della Città Metropolitana di Milano che sono andati al voto. Tra questi Cesano Boscone, Cornaredo, Cormano, Cusano, Novate, Linate, Paderno (il più popoloso con oltre 46mila abitanti), Rozzano, Settimo e Trezzano superano i 15mila abitanti e quindi è previsto il sistema maggioritario con eventuale ballottaggio. 

BERGAMO - Nella Bergamasca 169 comuni al voto. Tra questi il capoluogo di provincia con il sindaco uscente Giorgio Gori che ha sfidato il candidato del centrodestra Stucchi, quello del Movimento 5 stelle Nicholas Anesa e l’esponente della lista civica Bergamo in comune Francesco Macario. Per il resto sono 4 i comuni che superano i 15mila abitanti a recarsi alle urne: Romano di Lombardia, Seriate, Albino e Dalmine. Al voto però anche realtà molto piccole come Brumano (95 residenti) e Valleve (136). Alle urne anche Foppolo, i cui abitanti sono stati chiamati a dare un nuovo governo al proprio comune dopo gli scandali del caso Brembo Ski.

BRESCIA – Chiari, Ghedi, Montichiari e Lumezzane sono i quattro comuni più grandi e che superano i 15mila abitanti tra i 148 che andranno al voto in provincia di Brescia. Tra questi anche quello di Berlingo – attualmente retto da un commissario prefettizio – che è tornato al voto ad un anno dalla clamorosa protesta dei cittadini, che nel 2018 disertarono in massa le urne non permettendo all'unica lista che si era presentata di raggiungere il quorum.

COMO - 95 i comuni al voto in provincia di Como. C'è attesa soprattutto per i territori dove attualmente c'è un commissario prefettizio e cioè Sorico, Carugo, Cassina Rizzardi. Al voto anche Mariano Comense, che insieme a Cantù è l'unico sopra i 15mila abitanti. La città del mobile tra l'altro arriva a questa tornata elettorale dopo una legislatura per niente facile dal punto di vista politico. Il Comune attualmente è retto dal vicesindaco Alice Galbiati dopo che l'ex sindaco Arosio è stato costretto a cedere la fascia tricolore per incompatibilità nel settembre dello scorso anno. Niente elezioni invece a Campione d'Italia, dove non si è presentata nessuna lista. Si andrà avanti con il commissario.

CREMONA - Si è votato anche nel capoluogo di provincia, attualmente amministrato dal centrosinistra. Sono tre i candidati alla carica di sindaco: Gianluca Galimberti, primo cittadino uscente e candidato del centrosinistra; Carlo Malvezzi, candidato ufficiale del centrodestra in tutte le sue componenti; Luca Nolli del Movimento 5 stelle. Al voto altri 89 comuni, tra i quali Casalmaggiore è l'unico che supera i 15mila abitanti. Prima volta alle urne per Piadena Drizzona, comune nato per fusione lo scorso anno.

LECCO – In provincia di Lecco 51 comuni al voto, quasi tutti sotto i 10mila abitanti ad eccezione di Valmadrera, Merate e Casatenovo.

LODI – Nel Lodigiano sono stati 47 i comuni al voto sui 61 della provincia. E' uno dei territori con la più alta percentuale di consigli comunali che saranno rinnovati. Della lista non fanno parte i grandi centri – a cominciare dal capoluogo di provincia – ma una serie di piccoli e medi comuni. Tra questi quello che destano le maggiori attenzioni sono sicuramente Casalpusterlengo, 14mila abitanti e Lodi Vecchio, oltre 7mila.

MANTOVA – Nella provincia di Mantova sono 38 le comunità che sono state chiamate a eleggere consiglio comunale e sindaco. Suzzara, grosso centro della bassa con oltre 20mila residenti, il comune più importante tra quelli al voto insieme a Porto Mantovano. Alle urne anche i cittadini del nuovo municipio di Borgocarbonara.

MONZA E BRIANZA 31 comuni sui 55 della provincia di Monza e Brianza al voto. Tra questi molti centri con popolazione superiore ai 15mila abitanti: Besana, Bovisio, Concorezzo, Giussano e Muggiò.

PAVIA – In provincia di Pavia tiene banco la questione legata alle candidature nel capoluogo provinciale. Il comune attualmente è commissariato dopo le dimissioni del sindaco Massimo De Paoli in polemica con il Partito Democratico, che ha scelto di candidare alla guida del comune non De Paoli ma Ilaria Cristiani, attuale assessore della giunta di centrosinistra che dal 2014 governa la città. De Paoli si è presentato con una propria lista che di fatto ha spaccato il fronte del centrosinistra. Dall'altra parte il centrodestra si è compattato sul nome di Fabrizio Fracassi della Lega. Oltre al comune di Pavia, al voto andranno altri 125 comuni. Nessuno supera i 15mila abitanti.

SONDRIO -  I comuni di Chiavenna, Morbegno e Tirano sono i comuni più popolosi tra i 51 chiamati al voto in provincia di Sondrio. Alle urne anche Pedesina che con 30 residenti e 51 aventi diritto sarà il comune più piccolo al voto della Lombardia e il secondo in Italia dopo Moncenisio in provincia di Torino.

VARESE – Sono 82 i comuni della provincia di Varese che rinnoveranno il consiglio comunale ed eleggeranno il sindaco. Tre i municipi con più di 15mila abitanti: Tradate, Samarate e Malnate. Con la particolarità che sono attualmente tutti in stato di reggenza da parte dei rispettivi vicesidaco.