Francesca e la vita a Na.Pa: "Il quartiere sta fiorendo"

Si è trasferita in zona Naviglio Pavese 13 anni fa: in pochi ci scommettevano "Arrivano tante coppie con bambini, cambiamento pur rispettando le radici".

Francesca e la vita a Na.Pa: "Il quartiere sta fiorendo"

Francesca e la vita a Na.Pa: "Il quartiere sta fiorendo"

"Sono cresciuta nella zona della Darsena e, quando mi sono trovata a cercare casa, ho pensato di non allontanarmi troppo dai Navigli, dalle via d’acqua. In pochi scommettevano su questa zona, che ora è in forte espansione". Francesca Tatarella, architetto 48enne, 13 anni fa ha preso casa in viale Giovanni da Cermenate, a pochi passi dal Naviglio Pavese. Racconta un quartiere che sta vivendo una trasformazione, accogliendo giorno dopo giorno nuovi abitanti che si mescolano agli storici residenti di una zona della “vecchia Milano“.

Francesca, come mai ha scelto di cercare casa in questa zona?

"Tredici anni fa cercavo una casa più grande, e questa era una zona accessibile anche dal punto di vista dei prezzi. Una zona viva e popolare, con parecchi negozi di prossimità, animata e ben coperta dalla rete del trasporto pubblico. Essendo cresciuta nella zona della Darsena, inoltre, la presenza del Naviglio era per me un forte valore aggiunto, che mi permetteva di non staccare dal mio elemento".

Come si sposta per raggiungere il luogo di lavoro?

"Lavoro per il Gruppo Progetto CMR (società fondata dall’architetto Massimo Roj con sede in via Russoli, ndr) e la sede è raggiungibile, da casa mia, con una camminata di dieci minuti quando è bel tempo. Anche questo fattore è importante, perché permette di limitare i tempi per gli spostamenti".

Come è cambiato questo quartiere, nell’arco degli ultimi dieci anni?

"Questo è sempre stato un luogo vivo, è uno dei Municipi di Milano che conta più associazioni. Ci sono bar, librerie, negozi, biblioteche e punti di ritrovo. Un vecchio quartiere milanese, dove tutti si conoscono, che mantiene forti le sue radici pur con una composizione sociale variegata. E questa qualità è stata un’àncora di salvezza durante la pandemia. Di recente il quartiere è fiorito, l’idea del brand Na.Pa funziona bene e qui hanno trovato casa attività gestite da giovani che hanno creato un movimento sano e positivo. Poi c’è tutto l’aspetto legato al food, con la presenza di Sadler".

Chi sono i nuovi abitanti di NaPa?

"Ultimamente stanno arrivando tante coppie giovani con figli piccoli, e questo crea un importante ricambio generazionale".

Sono cresciuti i prezzi delle case?

"Sicuramente c’è stata una tendenza al rialzo negli ultimi anni, anche se rispetto ad altre zone di Milano i prezzi rimangono ancora accessibili".

A.G.