Giulia Tramontano, Alessandro Impagnatiello in aula con solo due testimoni: uno psichiatra e uno psicologo. Punta all’incapacità di intendere e volere?

Inizierà il 18 gennaio il processo davanti alla Corte d'Assise per il barbaro omicidio della giovane incinta al settimo mese

Il premio alla Tramontano. Tanta emozione per Giulia. Il padre: è la cosa più bella da quando lei non c’è più

Il premio alla Tramontano. Tanta emozione per Giulia. Il padre: è la cosa più bella da quando lei non c’è più

Milano, 11 gennaio 2024 - Uno psicologo e uno psichiatra come unici due testimoni-consulenti. Così ha scelto di affrontare il processo, che inizierà il 18 gennaio davanti alla Corte d'Assise, Alessandro Impagnatiello, il 30enne ex barman accusato di omicidio volontario aggravato, anche dalla premeditazione, per aver ucciso con 37 coltellate la fidanzata Giulia Tramontano, incinta al settimo mese, nella loro abitazione a Senago, nel Milanese, il 27 maggio.

Approfondisci:

Giulia Tramontano avvelenata per mesi prima di essere uccisa da Impagnatiello. La chat con un'amica: “Mi sento drogata”

Giulia Tramontano avvelenata per mesi prima di essere uccisa da Impagnatiello. La chat con un'amica: “Mi sento drogata”

La scelta della difesa

Sono state infatti depositate le liste testi delle parti in vista della prima udienza. La scelta dei legali della difesa, Giulia Geradini e Samanta Barbaglia, di convocare in aula solo psicologo e psichiatra come consulenti di parte (la loro relazione non è ancora stata depositata) e nessun altro teste, va nel senso, come molto probabile, di una richiesta di perizia psichiatrica alla Corte per valutare la capacità di intendere e volere al momento dei fatti.

Approfondisci:

Uccisa dal compagno Tracce di veleno per topi nel corpo di Giulia Il folle piano del killer

I testimoni dell’accusa

L'aggiunto Letizia Mannella e il pm Alessia Menegazzo, titolari dell'inchiesta, hanno indicato, invece, nella loro lista di testimoni gli investigatori che hanno seguito le indagini, i consulenti tecnici che hanno effettuato gli accertamenti scientifici, e tutti i familiari della vittima, tra cui i genitori, la sorella e il fratello. Inoltre, tra i testi è indicata pure l'altra donna con cui il 30enne aveva contemporaneamente una relazione. La 23enne italo-inglese, dopo aver conosciuto proprio il 27 maggio Giulia con la quale era nato un legame di "solidarietà", quella stessa sera non lo fece entrare in casa per "paura", come mise a verbale. Il 30enne, che aveva una doppia vita, stando alle indagini, avrebbe potuto uccidere anche lei.

Prima udienza

L'udienza del 18 gennaio dovrebbe servire soltanto per le questioni preliminari, come le richieste di costituzione delle parti civili (oltre ai familiari anche il Comune di Senago con l'avvocato ed ex pm Antonio Ingroia), e per la calendarizzazione delle successive udienze. La Corte deciderà, poi, se ammettere i testi richiesti dalle parti e la difesa potrà nel processo depositare la propria consulenza psichiatrica sull'imputato (almeno una settimana prima dell'esame in aula di psicologo e psichiatra) e chiedere ai giudici di disporre una perizia per accertare eventuali vizi di mente.

Approfondisci:

Giulia Tramontano, le ricerche su internet di Impagnatiello mesi prima del delitto: “Come uccidere un feto col veleno”

Giulia Tramontano, le ricerche su internet di Impagnatiello mesi prima del delitto: “Come uccidere un feto col veleno”

Da 30 anni all’ergastolo

Se fosse riconosciuto capace di intendere e volere e condannato per le imputazioni formulate dai pm, il 30enne rischierebbe l'ergastolo. Impagnatiello è accusato di omicidio volontario aggravato da premeditazione (avrebbe fatto anche ingerire alla fidanzata veleno per topi per mesi), crudeltà, futili motivi e rapporto di convivenza. E' anche imputato per interruzione di gravidanza non consensuale e per occultamento del cadavere.

L’appello della sorella di Giulia

Nei giorni scorsi la sorella e gli altri familiari di Giulia hanno lanciato un appello per chiedere "giustizia", ossia "l'ergastolo per l'essere inumano che ci ha privato di una sorella, una figlia, un'amica, un nipote ed una grande donna. Le famiglie - hanno scritto - che vivono l'ergastolo del dolore hanno diritto a giustizia e pena esemplare".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro