ANNA GIORGI
Cronaca

Giulia Tramontano era ancora viva dopo le 37 coltellate di Impagnatiello: la pm contesta la crudeltà dell’omicidio

La ragazza è morta dissanguata, non dopo la prima ferita. Il killer aveva aumentato le dosi di veleno per topi. "Omicidio premeditato"

ANNA GIORGI
Cronaca
I rilievi della scientifica nella casa in cui si è consumato l'omicidio di Giulia Tramontano
I rilievi della scientifica nella casa in cui si è consumato l'omicidio di Giulia Tramontano

MILANO – Chiesto l’immediato per Alessandro Impagnatiello, il 30enne in carcere per aver ucciso, lo scorso 27 maggio, a Senago, nel Milanese, Giulia Tramontano, la sua fidanzata incinta al settimo mese. La richiesta, a cui sono state aggiunte le aggravanti della crudeltà e della premeditazione sarà vagliata dal gip Angela Minerva.

Secondo l’indagine, coordinata dal pm Alessia Menegazzo e dall’aggiunto Letizia Mannella e condotta dai carabinieri del Nucleo investigativo, Impagnatiello ha ucciso la sua compagna, in attesa di un bambino, con 37 coltellate e poi ha cercato di bruciare e di sbarazzarsi del corpo ritrovato quattro giorni dopo l’assassinio tra le sterpaglie non molto lontano dalla loro abitazione a Senago, nel Milanese.

Nei mesi precedenti, stando alla ricostruzione, avrebbe però tentato di avvelenarla con il topicida. All’uomo, quindi, sono stati contestati l’omicidio aggravato dalla premeditazione, dalla crudeltà, dai futili motivi e dal rapporto di convivenza, e poi l’occultamento di cadavere e l’interruzione di gravidanza non consensuale. Infatti, in base agli accertamenti e agli esiti di una consulenza autoptica, è stata rilevata la presenza di un veleno per topi, il "bromadiolone" sia nel "sangue che nei capelli" di Giulia sia nei "tessuti e capelli fetali del bimbo che aveva in grembo". Addirittura è stato rilevato un "incremento" della somministrazione "nell’ultimo mese e mezzo".

Inoltre è emerso pure che la 29enne, morta dissanguata, era ancora viva dopo ogni coltellata. Due elementi, questi, che rafforzano le aggravanti, contestate dalla Procura, della "premeditazione" e della "crudeltà". Entrambe erano state escluse dal gip Minerva nell’ordinanza di custodia in carcere a carico del barman 30enne di un hotel di lusso a Milano, che aveva una doppia vita e che, stando alle indagini, avrebbe potuto uccidere anche l’altra donna con cui aveva contemporaneamente una relazione. La giovane di 23 anni, però, dopo aver conosciuto Giulia e la sua storia, quella sera non lo fece entrare in casa per "paura".

La famiglia di Giulia, rappresentata dall’avvocato Giovanni Cacciapuoti, si costituirà parte civile. Richiesta che verrà avanzata anche dal Comune di Senago, con l’avvocato ed ex pm Antonio Ingroia.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro