“Ero geloso e volevo stare con lei”. Zakaria Atqaoui e l’omicidio dell’ex fidanzata Sofia Castelli

Sarebbero queste le parole che il 23enne italomarocchino avrebbe detto agli inquirenti. Nel frattempo, procedono le analisi sul telefonino della vittima

Zakaria Atqaoui e Sofia Castelli (Foto Instagram)

Zakaria Atqaoui e Sofia Castelli (Foto Instagram)

Milano, 31 luglio 2023 – “Ero geloso, volevo stare con lei”. Sarebbero queste le parole che avrebbe detto agli inquirenti Zakaria Atqaoui, il 23 anni italomarocchino che ha confessato di aver ucciso sabato mattina a Cologno Monzese, in provincia di Milano, la ex fidanzata Sofia Castelli, 20 anni. Zakaria Atqaoui,

Approfondisci:

Sofia Castelli uccisa dall’ex fidanzato a Cologno Monzese: chi era la giovane vittima

Sofia Castelli uccisa dall’ex fidanzato a Cologno Monzese: chi era la giovane vittima

Il killer, che sarà sentito nell'interrogatorio di garanzia probabilmente domani, dopo il delitto ha parlato del suo desiderio di riallacciare con la ragazza la relazione durata, fra alti e bassi, qualche anno, e di come non avesse accettato la decisione della 20enne di lasciarlo.

Saranno le analisi sul telefonino della vittima, disposte dall'autorità giudiziaria, a chiarire se tra Atquaoui e la 20enne ci siano stati contatti, anche via social, nelle ore che hanno preceduto l'omicidio. A quanto emerso, il giovane non aveva mai manifestato prima segni di aggressività e violenza.

Approfondisci:

Sofia Castelli, il piano criminale dell’ex fidanzato: si è nascosto in casa e ha aspettato che lei si addormentasse

Sofia Castelli, il piano criminale dell’ex fidanzato: si è nascosto in casa e ha aspettato che lei si addormentasse

Intanto è ancora sotto shock l'amica con la quale Sofia ha trascorso la serata in discoteca e sabato all'alba è tornata nella casa di via Roma: hanno dormito in camere separate perché si sarebbero dovute svegliare a orari diversi e ha riferito di non essersi accorta di niente. È stata lei ad aprire la porta ai carabinieri, ancora ignara che in un'altra stanza c'era il cadavere di Sofia. 

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro