Cinisello, dopo le proteste dei ragazzi partono i lavori al centro scolastico Parco Nord

Le scuole riqualificate sono l’Itis Cartesio, l’istituto Montale e il liceo Casiraghi: gli interventi dureranno 15 mesi e riguarderanno tetto, infissi e alcune parti esterne

Alcuni studenti davanti a un angolo danneggiato dell'Itis Cartesio

Alcuni studenti davanti a un angolo danneggiato dell'Itis Cartesio

Cinisello Balsamo (Milano), 15 marzo 2024 – Partirà a maggio la riqualificazione del centro scolastico Parco Nord. Ieri, giovedì 14 marzo, il consigliere delegato all'edilizia scolastica di Città Metropolitana Roberto Maviglia e la consigliera delegata alle infrastrutture Daniela Caputo hanno incontrato i rappresentanti del consiglio di Istituto dell’Itis Cartesio di Cinisello Balsamo, che insieme al liceo Casiraghi e all’istituto Montale fa parte del mega complesso scolastico.

I problemi riportati dai ragazzi

L'incontro è stato organizzato dalla Città Metropolitana a seguito delle criticità evidenziate dagli studenti rispetto a infiltrazioni di acqua, manutenzione dei bagni e stato degli infissi. Nelle scorse settimane, infatti, gli alunni del Cartesio avevano scioperato, chiedendo interventi urgenti.

Era anche uscita Ats che, dopo un sopralluogo, aveva dichiarato non utilizzabili alcuni spazi, tra cui aule e laboratori. All’incontro di ieri hanno partecipato anche i tecnici di Palazzo Isimbardi, che hanno illustrato i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria realizzati nel corso degli ultimi anni e, con i rappresentati della società concessionaria Carbo Termo, hanno descritto il progetto risolutivo teso a rendere gli edifici più efficienti e limitare il consumo energetico, in quello che è uno dei plessi scolastici più grandi di Europa.

l'incontro di oggi all'Itis Cartesio di Cinisello Balsamo
l'incontro di oggi all'Itis Cartesio di Cinisello Balsamo

Le parole del consigliere delegato Maviglia

“C’è stato un confronto franco e costruttivo. Stiamo riqualificando in modo radicale il centro scolastico Parco Nord – ha spiegato Maviglia -. Con il rifacimento del tetto su tutte le zone di copertura verrà risolta la problematica delle infiltrazioni e giungeremo a un risparmio energetico del 50%. A oggi disponiamo di limitate risorse finanziarie per l’attività di manutenzione sui 158 edifici di nostra competenza, ma per garantire una manutenzione ordinaria e straordinaria capillare occorrerebbero maggiori risorse. Servirebbe una riforma del sistema delle autonomie locali che dia alla Città Metropolitana risorse certe e adeguate; è un bisogno non più rinviabile a cui Governo e parlamento devono dare una risposta”.

Tutti gli interventi

A oggi sono già state sostituite 2300 lampade e realizzate una centrale e due caldaie termiche a biomassa. Nel mese di maggio prenderanno avvio dei nuovi interventi per implementare l’efficienza energetica che dureranno circa 15 mesi cercando di limitare il disagio per gli studenti, i docenti e il personale scolastico garantendo la continuità del servizio, l’utilizzo delle aree esterne di pertinenza e ottimizzando gli interventi di manutenzione a chiamata.

Si partirà con il rifacimento del tetto e del cappotto del Cartesio. Dopo circa sette mesi, a lavori ultimati, gli stessi interventi verranno effettuati all’Istituto Montale e al liceo Casiraghi per la durata di altri otto mesi.

Inoltre, sono stati programmati il rifacimento del vialetto di ingresso, l’installazione di valvole termostatiche e la realizzazione di un impianto fotovoltaico. "Ci stiamo impegnando a fondo per garantire la sicurezza nelle nostre scuole, nelle strade e lungo piste ciclabili – ha concluso Caputo -. In tal senso, nonostante le risorse economiche limitate di cui disponiamo, stiamo riqualificando molte infrastrutture. In tale percorso, sul versante scuola, è fondamentale il dialogo con gli studenti, i genitori, i professori e le altre istituzioni”.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro