ALESSANDRA ZANARDI
Cronaca

Azienda sanitaria di Vizzolo in crisi: “Persi 250 letti e poco personale”

A sollevare le principali criticità sull’Asst Melegnano Martesana sono i sindacati e le Rsu: “Sull’organizzazione pesano le carenze degli infermieri, all’appello ne mancano oltre cento”

Azienda sanitaria di Vizzolo in crisi: "Persi 250 letti e poco personale"

Azienda sanitaria di Vizzolo in crisi: "Persi 250 letti e poco personale"

Asst Melegnano Martesana, dal 2016 a oggi persi 250 posti letto”. E sull’organizzazione del lavoro pesano le “carenze di personale, a partire dagli infermieri: all’appello ne mancano oltre 100, secondo le stime della stessa azienda”. Sindacati e Rsu in stato di pre-allerta nel colosso sanitario del Sud-Est Milanese, dove si aspettano programmi e strategie "per rendere ospedali e ambulatori più attrattivi".

Approfondisci:

In corsia 1.201 infermieri: "Ma ne servirebbero ancora una centinaio. Il reclutamento è aperto"

In corsia 1.201 infermieri: "Ma ne servirebbero ancora una centinaio. Il reclutamento è aperto"

A dare fuoco alle polveri, dopo l’ultimo incontro con l’azienda, un comunicato di Rsu e organizzazioni sindacali, che rimarcano "l’inadeguatezza degli organici rispetto alla complessità assistenziale e ai carichi di lavoro". "In questo contesto, per i lavoratori diventa difficile anche fruire di ferie e riposi - osserva Salvatore Pepe, coordinatore delle Rsu per il personale non medico -. Oltre ai concorsi per cercare d’infoltire i ranghi, servono politiche di welfare per favorire la conciliazione tra professione e vita privata".

"Le prestazioni, a partire dai posti-letto, si sono ridotte nel tempo. Il timore è che Regione Lombardia non voglia investire adeguatamente nella nostra Asst. Serve un cambio di rotta". Del tutto in linea con la posizione delle Rsu quella delle organizzazioni sindacali, a partire dalla Cgil: "La situazione dell’Asst Melegnano Martesana - commenta Antonio Bagnaschi - riflette quella, più generale, della sanità pubblica lombarda, che purtroppo sta vivendo progressive spoliazioni, a favore del privato".

Si annuncia dunque "una stagione di rivendicazioni dei diritti dei lavoratori", con l’auspicio che "la direzione aziendale si presenti al tavolo delle trattative con un piano concreto di obiettivi di rilancio".

A chiedere un rilancio, a partire da organici più robusti e liste d’attesa più snelle, è anche il Coordinamento per la salute Melegnano Martesana. Sulla stessa lunghezza d’onda Sinistra Italiana: "Da tempo, numerosi parametri collocano la nostra Asst fanalino di coda di tutta la regione Lombardia per quanto riguarda il personale sanitario, i posti letto per mille abitanti, i medici di base e i pediatri in libera scelta - sostengono Luca Bertagna e Silvia Soldatesca -. Non è un segnale incoraggiante il taglio, operato dalla Regione, del budget di assegnazione 2024 per la nostra Asst relativamente ai capitoli costo del personale e acquisto di beni e servizi".