Medici di base, in Lombardia ne mancano 1435. Le aziende sanitarie che soffrono di più

Per ogni tre professionisti di medicina generale che vanno in pensione, ne entra uno. Trend ormai costante negli ultimi anni

Allarme medici di base in Lombardia

Uno dei tre medici dell’aggregazione è andato in pensione, ma i suoi pazienti sono passati ad altri medici

Aumentano rispetto agli anni precedenti gli incarichi vacanti di assistenza primaria a ciclo di scelta, ovvero i medici di medicina generale. Dalla ricognizione fatta da Regione Lombardia tra le Asst lombarde, a cui dall’1 gennaio 2024 è passata al competenza per la gestione prima in carico alle Ats, mancano nel complesso 1435 medici di base, in aumento rispetto al 2023 quando, dal monitoraggio fatto presso tutte le Ats, mancavano 1326 tra medici di medicina generale e pediatri di libera scelta. Un trend ormai costante negli ultimi anni, visto che nel 2022 dalla ricognizione di marzo era emerso che bisognava reclutarne 1166, 964 nel 2021. Si paga ancora l’effetto della gobba pensionistica da una parte (entro il 2026 dovrebbero andare in pensione quasi 2500 tra medici di base e pediatri di libera scelta) e dall’altra l’insufficienza dei numeri delle nuove entrate, che non riescono a garantire la copertura di chi esce.

Una stima spannometrica dice, infatti, che per ogni 3 medici di medicina generale che vanno in pensione, ne entra uno. Guardando alle diverse Asst, quella che vede sul proprio territorio la maggior carenza è l’Asst Melegnano e della Martesana, dove si cercano 119 medici di base, seguita dall’Asst Lariana con 117. Sopra i 100 anche Asst Rhodense (107).

Per quanto riguarda i specifici ambiti, spicca il Municipio 2 di Asst Milano FBF-Sacco (25); mancano 18 medici anche nell’ambito Brescia-Collebeato di Asst Spedali Civili; 19 in quello di Bollate-Branzate-Novate Milanese di Asst Rhodense; a Crema Centro ci sono 18 posti da coprire, 13 nell’ambito di Castiglione delle Stiviere e Viadana in Asst Mantova.

Ad Acquafredda, Calcinato, Calvisano, Carpenedolo, Montichiari, Remedello e Visano (afferenti ad Asst del Garda) ci sono 12 posti; mancano 11 medici nell’ambito di Asst Lodi composto da Lodi, Abbadia Cerreto, Boffalora d’Adda, Corte Palasio, Cavenago d’Adda, Cornegliano Laudense, Crespiatica, Mairago, Massalengo, Ossago Lodigiano, San Martino in strada. Va un po’ meglio sul fronte dei pediatri di libera scelta: ne servono 53, con carenze distribuite in modo piuttosto omogeneo in tutto il territorio.

La maggiore mancanza è nel territorio di Asst Brianza, dove sono da coprire 8 posti. Ora gli aspiranti candidati possono presentare domanda da ieri fino al 9 aprile alle ore 16 esclusivamente tramite la piattaforma Bandi e Servizi all’indirizzo www.bandi.regione.lombardia.it, poi le singole Asst hanno stilato un calendario con sedi e date di convocazione. Si cercano medici anche per coprire gli incarichi vacanti di assistenza primaria ad attività oraria (la ex guardia medica).

L’Asst dove si rileva il numero di ore vacanti più elevato è il quella del Fatebenefratelli-Sacco con 4356, seguita da quella della Brianza, con 3082, seguita da Melegnano Martesana (2301). Ai Civili di Brescia si cerca copertura per 1656 ore, come Bergamo Ovest; 1848 le ore da coprire in Asst Pavia.