Maltempo, allerta arancione in Lombardia: pioggia e temporali, dove e quando

Dopo i violenti acquazzoni e il forte vento di sabato e della notte, nuova ondata in arrivo

Milano, 27 agosto 2023 – Il maltempo? Non è ancora finito. L’anticipo di autunno che ha interessato le regioni del nord, a partire dalla Lombardia, secondo le previsioni meteo, proseguirà anche oggi, domenica 27 agosto, a partire dal primo pomeriggio e nella giornata di domani, lunedì 28 agosto. 

Interventi dopo le piogge di ieri
Interventi dopo le piogge di ieri

Il menù non subirà particolari variazioni: temporali anche di forte intensità e calo delle temperature. Da qui la scelta di conservare l’allerta meteo arancione, con tutte le raccomandazioni del caso.  Ma a che ora e in quali zone della Lombardia dovrebbero scatenarsi con maggiore forza gli elementi? Vediamolo, incrociando le analisi e i modelli di alcuni fra i principali esperti.

L’orario

I fenomeni più importanti dovrebbero verificarsi a partire dal primo pomeriggio di oggi. In mattinata è piovuto in diverse province della Lombardia. Successivamente, dopo una pausa fra le 15 e le 17, rovesci e piogge dovrebbero ripartire, con acquazzoni anche nella notte tra domenica e lunedì. 

Il Centro Funzionale Monitoraggio Rischi Naturali della Regione Lombardia ha emesso un nuovo avviso di criticità arancione (moderata) sia per temporali sia per rischio idrico e idrogeologico per tutta la giornata di oggi, fino alla mattina di domani, lunedì 28 agosto, con un’intensificazione del fenomeno a partire da questa sera. Si ricorda che, come stabilito dall’ordinanza sindacale vigente, fino al 31 agosto, durante le allerte meteo vige il divieto di frequentazione dei parchi e delle aree verdi.

Un albero caduto nel Milanese
Un albero caduto nel Milanese

Le zone

Con il quotidiano report del Centro geofisico prealpino di Varese vediamo invece quali potrebbero essere le aree più colpite: gli accumuli di pioggia principali del pomeriggio dovrebbero riguardare le zone dei laghi (Verbano e Lario) e la fascia prealpina.

Temporali alternati a schiarite, invece, sono previsti in pianura padana. Anche per gli esperti della cittadella della scienza varesina in serata i fenomeni dovrebbero riguardare indistintamente tutta la regione.

Si alza il vento: acquazzoni in arrivo
Si alza il vento: acquazzoni in arrivo

I parchi, i fiumi Seveso e Lambro

Si ricorda che, come stabilito dall’ordinanza sindacale vigente, fino al 31 agosto, durante le allerte meteo vige il divieto di frequentazione dei parchi e delle aree verdi. Le intense piogge previste nella notte tra domenica e lunedì, preoccupano per il rischio esondazione dei fiumi Seveso e Lambro. Sono state attivate quindi le azioni necessarie per rischio idraulico ed esondazione con pulizie preventive e ripetute di tutti i sottopassi e il piano Seveso nei quartieri Niguarda e adiacenti e nel Parco Lambro. Il Centro operativo comunale (COC) della Protezione civile sarà attivo per il monitoraggio dei livelli idrometrici dei due fiumi e per coordinare gli eventuali interventi.Visto il livello arancione dell’allerta meteo si invitano i cittadini e le cittadine a prestare particolare attenzione nella notte a sottopassi, cantine e box interrati e di segnalare immediatamente eventuali criticità al numero della Polizia Locale 020208.

Lombardia, gli interventi

Intanto vigili del fuoco e protezione civile sono al lavoro per riparare ai danni delle piogge di ieri, nella metropoli e in tutta la regione. Sono almeno un centinaio gli interventi a Milano fra piante cadute, coperture rovesciate e allagamenti, dopo il maltempo che si è abbattuto ieri pomeriggio nel capoluogo lombardo e in gran parte dei comuni a sud. 

Alcuni danni delle piogge di ieri, sabato 26 agosto
Alcuni danni delle piogge di ieri, sabato 26 agosto

Nel Bresciano, la situazione più critica è stata in Val Rabbia, nel territorio di Sonico dove, intorno alle 2:30, sono scattati gli allarmi del Bivacco Festa ed i sensori lungo la Valle Gallinera, segnalando una colata detritica, la cui dimensioni saranno accertate oggi con i sopralluoghi, dopo che la pioggia ha innalzato i livelli delle acque. Il sindaco di Sonico, Gian Battista Pasquini ha attivato la procedura di sicurezza, predisposta in seguito al disastro del 2012, quando una frana si staccò a quota 1.400 metri arrivando ai 700 metri del paese, lasciando il centro isolato per alcuni giorni. Per precauzione, è stato quindi fatto evacuare l’abitato della frazione Rino. In totale sono una sessantina le persone svegliate nel cuore della notte e costrette in fretta e furia a lasciare le loro case. Per tutta la notte, il primo cittadino, sul posto con la Protezione Civile e i vigili del fuoco, ha monitorato la situazione.

Materiale roccioso caduto a Sonico (Foto facebook sindaco)
Materiale roccioso caduto a Sonico (Foto facebook sindaco)

Nella Bergamasca, violenta grandinata, a San Giovanni Bianco: strade e giardini si sono imbiancati in pochi istanti.

Grandinata a San Giovanni Bianco (Foto facebook Andrea Caldara)
Grandinata a San Giovanni Bianco (Foto facebook Andrea Caldara)

Nel Varesotto, flagellata la zona di Uboldo: alcuni container di un’azienda sono volati sulla Saronnese a causa del forte vento. E si sono registrati, ancora una volta, numerosi danni al canile. A Castellanza è invece caduto un grosso albero e a Busto Arsizio si sono allagati alcuni sottopassi. 

Uboldo, container volati sulla Saronnese
Uboldo, container volati sulla Saronnese

In Brianza, a Besana, il maltempo ha distrutto il campo di fragole di The Banker’s Jam e il titolare ha subito lanciato un Sos via Instagram. Questa mattina si sono presentati 80 volontari per sistemare la situazione: la catena di solidarietà si è davvero attivata in pochissimo tempo.

Volontari in azione a The Banker’s Jam a Besana Brianza (Foto Instagram)
Volontari in azione a The Banker’s Jam a Besana Brianza (Foto Instagram)

La mappa delle previsioni meteo