Anna Bellisario morta per un tiramisù non vegano, gli indagati al gip: “Siamo addolorati”

Milano, i due responsabili dell’azienda produttrice del dolce hanno scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere. La giovane, 20 anni, si era sentita male in un fast food ed era finita in coma per shock anafilattico

Anna Bellisario, morta per un tiramisù non vegano
Anna Bellisario, morta per un tiramisù non vegano

Milano, 23 gennaio 2024 – “Addolorati” per ciò che è accaduto. Così si sono definiti i due responsabili della Glg srl, l'azienda produttrice del ‘Tiramisun’, dolce venduto come vegano e mangiato il 26 gennaio del 2023 in un fast food, a Milano, dalla 20enne Anna Bellisario, morta poi il 5 febbraio, dopo dieci giorni di coma, per shock anafilattico provocato da tracce di latte, a cui era fortemente allergica.

Giuseppe Loiero e la madre Giovanna Anoia, il primo legale rappresentante e la seconda responsabile delle linee produttive dell'azienda produttrice del ‘Tiramisun’ con marchio Mascherpa, sono stati interrogati oggi dal gip Fiammetta Modica, che lo scorso 15 gennaio ha emesso a loro carico una misura di interdizione dall'attività imprenditoriale per un anno, come richiesto dal pm Luca Gaglio e dall'aggiunto Tiziana Siciliano.

Difesi dal legale Guido Camera, i due indagati per omicidio colposo hanno scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere, ma, oltre a dirsi profondamente dispiaciuti per la tragedia, in una memoria hanno anche spiegato che il 27 gennaio, ossia il giorno dopo che la giovane era finita in coma, avevano subito sospeso la produzione dei dolci vegani. E hanno fatto sapere anche che si impegneranno per mettere a posto sotto ogni profilo l'azienda.

L'evento che "ha causato il decesso di Anna Bellisario”, ha scritto il gip nell'ordinanza, è “da ricondurre, secondo la prospettazione accusatoria, all'erroneo utilizzo di mascarpone nella produzione della crema destinata al tiramisù vegano”.

Approfondisci:

Tiramisù killer, Anna Bellisario morta per incuria: "Lo fai per vegani, non per allergici"

Tiramisù killer, Anna Bellisario morta per incuria: "Lo fai per vegani, non per allergici"

Alla Glg, si legge ancora, "preparavano i prodotti vegani e non vegani nello stesso ambiente, in contemporanea e sullo stesso tavolo”, si confondeva nella produzione di dolci l'uso di “preparati di origine animale", come il mascarpone, e di “ingredienti di origine vegetale” e, poi, chi lavorava nel laboratorio non aveva una “formazione adeguata”, tanto che un dipendente, ad esempio, aveva seguito solo un “corso di carattere generale” di “quattro ore sulla normativa vigente in tema di igiene degli alimenti”. 

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro