Opera, guasto alla caldaia e alla Don Milani portano i pinguini

Nonostante i giorni di vacanza per il ponte di Sant’Ambrogio, non sono stati fatti i lavori per ripristinare il guasto e le aule sono ancora gelide. L’anno scorso è successo lo stesso imprevisto

L'interno di una scuola in una foto d'archivio

L'interno di una scuola in una foto d'archivio

Opera (Milano), 12 dicembre 2023 – Scuola Don Milani al freddo da una settimana causa guasto alla caldaia. Si poteva approfittare dei giorni di chiusura delle scuole per il ponte dell’Immacolata ma l’impianto non è stato riparato e ora le aule, solo alcune, vengono riscaldate adoperando alcuni pinguini acquistati per l’emergenza biblioteca di quest'estate a causa del condizionatore rotto. E i disagi proseguiranno tutta la settimana, infatti solo il 14 inizieranno i lavori per riparare il guasto e quindi la scuola potrebbe chiudere. Stessa identica cosa accaduta lo scorso anno.

“L’aggravante è che questo scenario l’abbiamo già visto e vissuto lo scorso anno in questo stesso periodo – spiega la consigliera comunale Lea Corvino - non possono dire di essere stati colti all’improvviso dal problema. Un dato di fatto è che i bambini e le loro famiglie si trovano, per il secondo anno consecutivo, a vivere una situazione di disagio che, se lo scorso anno poteva essere considerato un “imprevisto”, questa volta assolutamente no!”

“Come l'anno scorso la scuola materna don Milani è senza riscaldamento da oltre una settimana e l'amministrazione solamente ieri ha ovviato al problema con i classici pinguini, perché non è bastata la figuraccia estiva al Polifunzionale. Oltretutto sembra che il plesso chiuderà giovedì e venerdì per i dovuti interventi di ripristino lasciando i genitori a barcamenarsi con baby sitter in balia del loro dilettantismo – ha spiegato Pino Pozzoli, consigliere comunale – Quello dei pinguini è un paradosso; acquistati quest’estate per fare fronte al guasto al condizionatore della biblioteca (fermo da due anni) sono stati riciclati come pompa di calore”.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro