Conti in rosso, il debito sfiora i 23mila euro a famiglia: rischio usura

Sul podio le città lombarde: a Milano il debito medio per ogni nucleo è di 35.342 euro; al secondo posto Monza. Poi, dopo Bolzano e Roma, c’è Como. Per la Cgia di Mestre è segno della ripresa economica del 2021-2022 ma col crollo dei prestati bancari oggi c’è il pericolo dello strozzinaggio

Famiglie sempre più indebitate, rischio usura sottolinea l'analisi della Cgia di Mestre

Famiglie sempre più indebitate, rischio usura sottolinea l'analisi della Cgia di Mestre

Milano, 12 agosto 2023 – Famiglie sempre più indebitate e artigiani e negozianti a rischio usura. Una situazione al momento critica ma ancora sotto controllo. A denunciare il difficile rapporto tra italiani e credito è uno studio della Cgia, l’associazione Artigiani e Piccole Imprese di Mestre che elabora i dati economici a livello nazionale, stima come al 31 dicembre 2022 l'importo medio dell'indebitamento per nucleo famigliare presente in Italia sia salito a 22.710 euro.

Debito record di quasi 600 miliardi di euro

Uno stock complessivo dei debiti bancari, in capo a tutte le famiglie italiane, che si è attestato sul livello record di 595,1 miliardi di euro ed è aumentato del 3,5% rispetto al 2021. Uno scenario, questo, che per la Cgia potrebbe nascondere un altro rischio: la recrudescenza dell'usura a cui potrebbero essere esposte famiglie e commercianti. "Sebbene il numero delle denunce alle forze dell'ordine di questo reato sia da tempo in calo, non è da escludere che l'incremento dei debiti delle famiglie spinga più di qualcuno a rivolgersi agli usurai che, da sempre, sono più disponibili di chiunque altro ad aiutare chi si trova a corto di liquidità, soprattutto nei momenti economicamente più difficili. É noto a tutti che l'usura è un fenomeno carsico: difficilmente chi è caduto nella rete degli strozzini si rivolge alle forze dell'ordine", spiegano gli artigiani di Mestre.

A Milano famiglie più indebitate

I dati lasciano infatti poco spazio all'ottimismo. Le famiglie più in ''rosso'' sono ubicate nella provincia di Milano, con un debito medio di 35.342 euro (+5,1% rispetto al 2021); al secondo posto scorgiamo quelle di Monza-Brianza, con 31.984 euro (+3%) e al terzo posto le residenti a Bolzano, con 31.483 euro (+5%).

Como quinta in Italia

Appena fuori dal podio si piazza Roma, con un debito medio che ammonta a 30.851 euro (+2,8%) e quelle di Como, con 30.276 euro (+3,8%). Tra le meno esposte, invece, ampie aree del Mezzogiorno, a riprova, spiega ancora la Cgia, di come "l'incremento dei debiti sia in parte riconducibile alla forte ripresa economica avvenuta nel biennio 2021-2022".

Le aree provinciali più esposte economicamente, infatti, si legge ancora nel Rapporto, "sono anche quelle che presentano i livelli di reddito più elevati anche se, in queste realtà, tra gli indebitati ci sono anche nuclei appartenenti alle fasce sociali più deboli".

Crollo dei prestiti bancari

Le famiglie residenti nella provincia di Agrigento, infatti, denunciano un debito medio di 10.302 euro (+3%) e quelle di Vibo Valentia, con 9.993 euro (+1,9%). Ma le famiglie meno indebitate d'Italia si trovano a Enna, con un ''rosso'' pari a 9.631 euro (+3,6%). Sempre nel 2022 infine, la provincia d'Italia che ha subito la variazione di crescita dell'indebitamento familiare più importante è stata Ravenna (+9,1%), mentre l'unica che ha subito una contrazione è stata Vercelli (- 2,3%). "Con il progressivo rallentamento dell'economia e il conseguente crollo dei prestiti bancari alle imprese avvenuto negli ultimi mesi, non è da escludere che sia in atto un ''avvicinamento'' delle organizzazioni criminali verso le micro-aziende a conduzione familiare: come gli artigiani, i negozianti e tante partite Iva", riflette ancora la Cgia.

"Dare liquidità a micro imprese”

Da sempre d'altra parte il mondo dei lavoratori autonomi è quello più a rischio." Per evitare tutto ciò bisogna invertire la tendenza, tornando a dare liquidità alle micro imprese, altrimenti molte di queste potrebbero finire tra le braccia degli usurai. Non solo, è altresì necessario incentivare il ricorso al ''Fondo per la prevenzione'' dell'usura. Uno strumento, quest'ultimo, introdotto per legge da alcuni decenni, ma poco utilizzato, anche perché sconosciuto ai più e, conseguentemente, con scarse risorse economiche a disposizione", chiedono ancora gli artigiani di Mestre.

Approfondisci:

Focus della Camera di Commercio "Imprese, troppi interrogativi Estate all’insegna della cautela"

Focus della Camera di Commercio "Imprese, troppi interrogativi Estate all’insegna della cautela"
Approfondisci:

Dal Piano Lombardia 113 milioni a Milano e Comuni: Interventi in Lombardia