Furto all’Esselunga di Lipomo: denunciati due italiani residenti in Svizzera

Hanno scannerizzato solo il 10% della spesa. Lei è una 30 enne comasca

L'Esselunga di Lipomo

L'Esselunga di Lipomo

Lipomo (Como), 29 gennaio 2024 – Frontalieri svizzeri del furto in Italia per fare la spesa senza pagare il conto. Gli agenti della Polizia di Stato hanno denunciato un veronese di 32 anni e una comasca di 30 che abitano a Morbio Inferiore in Svizzera.

All'Esselunga di Lipomo hanno riempito il carrello della spesa, pagando poi il conto utilizzando il sistema Presto spesa, cioè la pistola laser per scannerizzare i prodotti man mano che li si comprano in modo da pagare alle casse automatiche.

Peccato che i due abbiano scannerizzato meno del 10% di quanto in realtà comperato, pagando così 50 euro invece dei 550 dell’effettivo ammontare degli acquisti. Gli addetti alla sicurezza però se ne sono accorti e hanno chiamato i poliziotti. La merce non pagata è stata rimessa a posto e i due sono stati denunciati a piede libero.

Più o meno quello che facevano due quarantenni, marito e moglie, residenti nel comune di Busto Garolfo, che avevano l’abitudine di mangiare nei locali del Legnanese e del Varesotto, dileguandosi prima di pagare il conto. Identificati, adesso i due “scrocconi” rischiano il rinvio a giudizio.