Como, disordini e pericolo per la sicurezza pubblica: chiuso il bar Civico XV

L’attività diventava locale di intrattenimento senza permessi e con buttafuori abusivi: tra la clientela anche tanti con precedenti penali

A sinistra la polizia pone la notifica davanti alle insegne del locale; a destra l'interno del bar

A sinistra la polizia pone la notifica davanti alle insegne del locale; a destra l'interno del bar

Como, 19 gennaio 2024 – Quindici giorni di chiusura per il bar Civico XV di via Viganò. Il provvedimento è stato notificato questo pomeriggio dopo la proposta di sospensione da parte dei carabinieri di Como. Gli episodi che hanno portato a questa decisione sono stati fatti che hanno messo in pericolo la sicurezza pubblica, portando così alla decisione di sospendere per quindici giorni l’attività.

In un caso, un cliente del locale ha danneggiato un’auto di servizio dei militari che erano intervenuti in seguito alla richiesta di alcuni cittadini. In un’altra occasione, i carabinieri del Nucleo Radiomobile erano stati costretti a richiedere il supporto delle Volanti della Polizia perché accerchiati da numerosi clienti del locale che volevano impedire il regolare svolgimento del servizio.

Inoltre, i controlli della polizia amministrativa hanno accertato che il titolare spesso trasformava il bar in locale di intrattenimento, senza adeguati permessi e impiegando per la sicurezza del locale alcuni buttafuori totalmente abusivi e privi dei requisiti richiesti. Anche la clientela è stata al centro di controlli da parte delle forze dell’ordine: in più occasioni il locale era frequentato da persone con precedenti penali.