In Valtellina la neve è d’oro: boom di turisti sulle piste. Valmalenco presa d’assalto, bene anche Bormio

Roberto Pinna (direttore del consorzio turistico): “Sempre più apprezzato anche il treno della neve”

Valtellina presa d'assalto dai turisti della neve
Valtellina presa d'assalto dai turisti della neve

Sondrio – Festività natalizie d’oro in Valtellina. Tra Natale e Capodanno, infatti, le località turistiche della provincia di Sondrio sono state letteralmente prese d’assalto dall’esercito di appassionati di sci e di montagna che le hanno scelte per trascorrervi un periodo più o meno lungo di vacanze. E tutto l’indotto ha beneficiato di questo boom, con ristoranti, negozi ed esercizi commerciali che hanno lavorato piuttosto bene, grazie alla presenza massiccia di turisti. In Valmalenco di gente ne è arrivata parecchia e le piste del Palù, perfettamente innevate, hanno garantito agli ospiti di potersi divertire con gli sci ai piedi.

"Direi che il bilancio finora è molto buono – dice Roberto Pinna, direttore del Consorzio Turistico Sondrio & Valmalenco -, la settimana post natalizia, culminata con il Capodanno, è stata ottima in termini di presenze. Malgrado le alte temperature verificatesi prima del Natale, le piste hanno sempre mantenuto un alto standard qualitativo e ora, dopo la nevicata di Capodanno, le cose vanno ancora meglio. In Valmalenco tutte le piste sono aperte… e la neve è molto bella".

La Valmalenco, ormai da anni, ha scommesso sul "treno della neve" (che porta i turisti da Milano e dalla Brianza in Valmalenco offrendo a un prezzo agevolato anche lo skipass. "È un’iniziativa sempre più apprezzata, una promozione che va a gonfie vele. Anche oggi sono salite a sciare 40 persone con questa formula, stiamo viaggiando a cifre vicine al doppio di quelle dell’anno scorso".

Benissimo anche a Bormio. "I dati relativi alle presenze nel periodo post natalizio – dice Valeriano Giacomelli, ad della SIB (Società Impianti Bormio) – sono buoni. Purtroppo le alte temperature del periodo pre natalizio non ci hanno consentito di aprire le piste delle Motte ad Oga, ma a brevissimo si potrà sciare anche lì. Subito dopo il termine della 4 giorni di Coppa del Mondo abbiamo aperto al pubblico la Stelvio e ora gli sciatori a Bormio possono sciare su tutte le piste e arrivare in paese. Devo dire che ho visto sulle piste tanti giovani e questo è un bene, una ventata nuova di turisti della neve. A Bormio c’è il pienone e a livello di prenotazioni per le settimane bianche siamo già messi molto bene".