FULVIO D’ERI
Cronaca

Geometra Carlo Maletta muore schiacciato: choc in Bassa Valtellina

Il 56enne ha perso la vita in un cantiere ferroviario. È stato travolto da un macchinario che stava uscendo da una galleria

Sconcerto a Cercino ma anche in tutta la Bassa Valtellina tra le persone  che conoscevano Carlo Moletta vittima dell’ennesimo incidente sul lavoro

Sconcerto a Cercino ma anche in tutta la Bassa Valtellina tra le persone che conoscevano Carlo Moletta vittima dell’ennesimo incidente sul lavoro

Cercino – Carlo Maletta ha perso la vita in un incidente sul lavoro. Il 56ennne geometra di Cercino, paesino della Bassa Valtellina, ieri mattina è morto in un cantiere ferroviario nel Comune di Meina, sulla sponda piemontese del Lago Maggiore, in provincia di Novara. Il cantiere si trova lungo la tratta che collega Meina e Arona sulla linea per Milano, interessata da diversi lavori in questo periodo estivo.

Sarebbe stato investito da un mezzo in movimento uscito dalla galleria nei pressi della quale si sta svolgendo un intervento di abbassamento del piano dei binari per consentire l’attraversamento della galleria stessa da parte dei treni merci. Ma per conoscere l’esatta dinamica dell’incidente bisognerà attendere la conclusione delle indagini.

Uno dei tanti interventi che Rete Ferroviaria Italiana sta effettuando in Italia nella stagione estiva. I lavori sono stati affidati da Rfi ad una impresa di Milano, la Luigi Notari spa, che ha subappaltato questa parte degli interventi ad un raggruppamento di imprese che ha come capogruppo la Quadrio Gaetano Costruzioni spa di Morbegno in provincia di Sondrio.

I soccorsi sono stati immediati con un’ambulanza e poi con l’elisoccorso ma per Maletta non c’è stato nulla da fare, ogni tentativo è stato vano. Sul posto la Polfer, gli agenti della polizia locale associata dei comuni del Vergante con due unità e i tecnici dello Spresal dell’Asl di Novara".

Sconcerto a Cercino ma anche in un po’ tutta la Bassa Valtellina tra le persone che conoscevano Carlo Moletta, vittima ieri dell’ennesimo incidente sul lavoro. Sono infatti tante, troppe, le vittime sul lavoro che riempiono le cronache. E sulla vicenda, Rfi nel pomeriggio ha emesso un comunicato nel quale esprime cordoglio e piena collaborazione per far luce sull’accaduto.

"Rete Ferroviaria Italiana esprime il proprio cordoglio e la vicinanza ai familiari dell’operaio di una ditta appaltatrice, deceduto su un’area di lavoro lungo la linea ferroviaria Milano-Domodossola, interrotta alla circolazione dal 9 giugno per interventi infrastrutturali - si legge nel comunicato -. La dinamica di quanto accaduto è al vaglio".