Assolto automobilista accusato di omicidio stradale: il motociclista veloce e meno di un secondo per reagire

Brugherio (Monza), nell’incidente dell’8 febbraio 2022 morì Simone Vulcano di 42 anni. Accolta la tesi della difesa: il centauro si trovava a 14 metri di distanza, troppo pochi per frenare

Simone Vulcano, deceduto nell'impatto violento con l'auto, in sella alla sua moto

Simone Vulcano, deceduto nell'impatto violento con l'auto, in sella alla sua moto

Brugherio (Monza Brianza), 26 Febbraio 2024 - Manolo Falzi era imputato di omicidio stradale per avere tagliato la strada ad una moto mentre cercava di parcheggiare la sua Range Rover, provocando la morte del 42enne Simone Vulcano, residente a Cassina de’ Pecchi.

La giudice del Tribunale di Monza ha invece assolto Falzi, 48enne di Brugherio, accogliendo la tesi della difesa secondo cui il centauro viaggiava ad alta velocità e in fase di sorpasso.

Le dinamiche dell’incidente frontale

L'incidente è accaduto l'8 febbraio 2022 sulla provinciale Milano-Imbersago a Brugherio. I familiari di Simone Vulcano non si sono costituiti parti civili perché hanno già ottenuto un risarcimento dei danni.

La consulenza tecnica del pubblico ministero, che aveva chiesto la condanna a 4 mesi di reclusione per l'imputato, aveva fatto emergere la piena responsabilità dell’automobilista, che avrebbe girato a sinistra all’improvviso, senza guardare stesse arrivando qualcuno dal lato opposto.

Simone Vulcano si trovava a circa 14 metri di distanza, quindi avrebbe avuto solo 0,97 secondi di tempo per reagire: troppo poco. Non era riuscito nemmeno ad azionare il freno. Da qui, l’incidente e lo schianto frontale con il motociclista, che ha lasciato una donna e un bambino con meno di 3 anni.

Secondo la giudice è stato un “evento imprevedibile”

Di risultato completamente opposto, invece, la consulenza della difesa dell'imputato, secondo cui la vittima viaggiava a velocità elevata e proveniente da un sorpasso. La giudice monzese Giulia Nahmias ha ritenuto che l'incidente sia stato un evento imprevedibile per l'automobilista che, anche tenendo tutti i comportamenti imposti dal codice della strada, non avrebbe potuto evitare il centauro.