MARIANNA VAZZANA
Cronaca

Galleria Vittorio Emanuele vandalizzata dai writers: follia notturna in piazza Duomo a Milano

Assurda “performance” sul monumento. I tre vandali sono fuggiti, in Galleria sarebbero arrivati passando da un locale pubblico. Lo sdegno e la rabbia dei milanesi

Milano, 8 agosto 2023 – Deturpata da tre vandali rimasti ignoti la facciata della Galleria. Poco prima delle 22.30 i tre hanno raggiunto la cima della porzione affacciata su piazza Duomo imbrattando il muro con delle bombolette spray e lasciando scritte e scarabocchi verdi e neri a pochi metri dalla dedica "A Vittorio Emanuele II. I milanesi".

E non sarebbe apparentemente di matrice politica l'imbrattamento del frontone. Lo hanno riferito in Questura a Milano, precisando che le indagini sono in carico alla Polizia Locale. Secondo quanto appreso in piazza Beccaria i tre, alle 22.28, sono stati notati da una pattuglia di vigili che operava proprio in zona Duomo. Al cornicione sarebbero arrivati passando da un locale adiacente, “Terrazza Duomo 21” e poi si sarebbero dileguati sui tetti, forse usando una scala di servizio.

Tre writers la notte scorsa, in una piazza Duomo ancora piena di gente, hanno imbrattato la facciata del 'salotto' di Milano

Clicca sulla foto per vedere tutte le immagini

Lo Sfregio

Uno sfregio che non è sfuggito ai passanti e agli agenti del Nucleo Duomo della polizia locale che perlustravano l'area. I ghisa hanno dato l'allarme e sono immediatamente saliti ma, una volta raggiunta la postazione, i tre erano già scappati nel dedalo dei tetti.

L’intervento

Qualcuno ha subito chiamato le forze dell’ordine. In piazza Duomo sono arrivati i pompieri con un’autoscala ma anche pattuglie della polizia di Stato e della polizia locale.

La fuga

I tre writers subito dopo aver colpito sono riusciti a fuggire. Gli inquirenti ovviamente stanno cercando di individuarli anche grazie l’utilizzo di alcuni video: una idiozia che costerà caro ai vandali che hanno oltraggiato uno dei simboli di Milano più conosciuto al mondo.

Lo sdegno dei milanesi

"Sono disgustata". Piazza Duomo si affolla piano piano di turisti e cittadini che commentano l'azione in notturna dei tre writer che hanno imbratto di tag la Galleria Vittorio Emanuele II. "Non è possibile. Non ci posso credere, anche questo", commenta una ragazza. "Da milanese mi spiace", afferma una signora. "Non è usuale vedere l'ingresso della galleria cosi', l'effetto è particolare", commenta un ragazzo, che azzarda "Non ci vorrà' molto a ripulirlo". Di altro tenore il commento di Marco, che spiega di essere uno degli operatori impegnati nel lavoro di restauro della statua equestre, imbrattata dagli attivisti di Ultima Generazione lo scorso marzo. "Sono rimasto abbastanza sorpreso - dice - ci risiamo, atti vandalici che colpiscono un bene culturale. Bisogna finirla. In un paese come il nostro, che vive di beni culturali, bisogna pensare a a provvedimenti più' severi. Penso che un corso di formazione e un intervento di pulitura a questi ragazzi possa servire per capire cosa significa fare un intervento di questo genere". Il Comune sta valutando il da farsi, ad esempio se a occuparsi della ripulitura sarà il Nuir, il Nucleo di intervento rapido del Comune.

L’ira di Salvini

"Vergogna senza fine. Faremo di tutto perché le Forze dell’Ordine prendano questi teppisti, che devono avere una lezione che si ricorderanno per tutta la vita, a base di carcere, multa e servizisociali a favore di disabili e anziani. E se minorenni, che paghino mamma e papà , evidentemente un po’ distratti". Così il vicepremier e ministro dei Trasporti Matteo Salvini commenta sui social l'imbrattamento della Galleria avvenuto questa notte.

Michele Albiani

"Rabbia e disgusto. Questo è  il sentimento di tutta Milano alla vista della Galleria Vittorio Emanuele II colpita da questi vandali. Gli autori di questo insulto a tutta la città vanno acchiappati e puniti. Allo stesso tempo c’è da chiedersi come siano riusciti a salire lassù per realizzare quell'abominio. Chi ha permesso quanto avvenuto, allo stesso modo dei vandali, deve essere punito in maniera esemplare". Lo dichiara Michele Albiani, consigliere comunale del Pd e presidente della commissione Sicurezza, commentando l'imbrattamento della Galleria 

Alessandro De Chirico

"Mi auguro - commenta Alessandro De Chirico, capogruppo di Forza Italia in Comune - che quanto prima vengano visionate le immagini delle tante telecamere per individuare i responsabili dello scempio. Se sono stranieri gli va dato il Daspo urbano. Se italiani devono essere affidati ai Servizi sociali per rendersi utili verso la comunità. Sembra non esserci mai fine al peggio, la società sta prendendo una bruttissima piega".

La scritta e i writers in fuga
La scritta e i writers in fuga
è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro