Chiara Ferragni e l’affaire Pandoro. Dal latte artificiale alle foto di Vittoria ricoverata: gli altri errori di comunicazione

Nel corso degli anni l’imprenditrice digitale ha inciampato qualche volta nel settore che più le è congeniale: ecco quando

Milano – Da quattro giorni, dopo la pubblicazione del video di scuse per l’affaire Pandoro (che è forse diventato il suo contenuto Instagram con più interazioni), Chiara Ferragni è sparita dai radar. Nessun post sul suo social preferito, nulla sul gruppo broadcast ristretto, niente tweet. Ma a quanto pare il ritiro nelle proprie stanze è anche fisico: si dice che non esca da giorni. Insomma, lo scandalo che ha travolto l’imprenditrice digitale dopo la maxi multa dell’Agcom per la vicenda della pubblicità ingannevole legata al pandoro rosa sembra aver travolto la di solito granitica Ferragni, che alle critiche anche feroci che la investono da anni risponde sempre con superiorità, in genere facendo finta di nulla, lasciando passare un po’ di tempo e poi tornando sui social come se niente fosse. 

Chiara Ferragni
Chiara Ferragni

Lei stessa, regina della comunicazione sui social, ha definito, ridimensionandolo fin troppo, quello che è successo come un “errore di comunicazione” su cui avrebbe dovuto vigilare meglio. Ma nel corso degli anni sono stati diversi gli scivoloni in tema di comunicazione, mai però così gravi (visto che adesso c’è pure un fascicolo aperto in Procura a Milano e intanto è già saltato un contratto, quello con Safilo). E potrebbe non essere finita qui: anche le uova di Pasqua benefiche sono finite nel mirino della Procura. Oggi il procuratore aggiunto Eugenio Fusco, titolare del fascicolo, ha firmato la delega al Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Gdf per compiere accertamenti pure sull'operazione legata alle uova pasquali di Dolci Preziosi.

 Ma intanto ripercorriamo insieme in quali altre occasioni Chiara Ferragni ha “toppato” in quello che dovrebbe saper fare meglio: comunicare. 

Il latte artificiale vietato

Andando molto indietro nel tempo, quando Leone aveva pochi mesi, nell’estate del 2018, la moglie di Fedez pubblicò un posto di sponsorizzazione di una marca di latte artificiale per neonati. Venne travolta dalle critiche non solo e non tanto da parte delle fanatiche dell’allattamento materno per forza: il fatto era che in Italia fare pubblicità ai latti in formula sostitutivi del latte materno è illegale. E così poco dopo fu costretta a rimuovere il post. 

La festa di compleanno al supermercato

E ancora, come dimenticare, pochi mesi dopo, l’infelice festa di compleanno organizzata all’interno di un supermercato Carrefour, quello di City Life. Il festeggiato era il marito Federico Lucia che compiva 29 anni, le organizzatrici la stessa Ferragni e la suocera, Annamaria Berrinzaghi. Le scene del party erano state trasmesse praticamente in diretta dagli invitati ed erano impietose: gente che si lanciava ortaggi o che riempiva di cibo il carrello per poi farci un giro dentro. Un inno allo spreco. Subissati di critiche immediatamente, marito e moglie fecero una storia in cui spiegarono che avrebbero donato del cibo in beneficenza. Peccato che poco prima fossero stati ripresi in un video in cui, leggendo il labiale, si capiva bene che l’exit strategy benefica era stata inventata lì per lì: “Diciamo che diamo tutto in beneficenza”. 

Le foto con Vittoria ricoverata

In un mondo in cui vita privata e affari sono pericolosamente mischiati, si può anche ricordare lo scivolone dell’ottobre del 2021 quando la piccola di casa, Vittoria, venne ricoverata per una bronchiolite causata dal virus sinciziale. La mamma rimase al suo fianco in ospedale per giorni, ma pensò bene di fare dei selfie di lei e della neonata sofferente, scatti poi rimossi perché molti tra i suoi follower li ritennero troppo perfino per lei. C’è da dire che il reportage del dolore, in famiglia, è continuato poi con la grave malattia di Fedez, documentata addirittura nella seconda stagione della serie The Ferragnez. Ma almeno in questo caso si trattava di maggiorenni. 

La gita sul ghiacciaio in elicottero

Inciampo non molto ecologico, poi, quello che vide nel settembre dello scorso anno la stessa Ferragni insieme a un altro gruppo di influencer, fare un aperitivo a base di champagne niente meno che su un ghiacciaio svizzero raggiunto comodamente con due elicotteri. Insomma, emissioni di Co2 del tutto spropositate e futili, che le valsero anche lì una valanga di critiche. 

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro