“Il nostro nido distrutto dall’incendio”. La piccola Stella nasce fra un mese, parte la gara di solidarietà per i futuri genitori

Trezzano Rosa, Francesca Borrelli e suo marito Simone Ferraioli sono dovuti scappare all’improvviso in piena notte. Il sindaco ha subito messo a disposizione un alloggio per l’emergenza di questi mesi

Francesca Borrelli, 33 anni, la futura mamma, e il marito Simone Ferraioli, 34 anni
Francesca Borrelli, 33 anni, la futura mamma, e il marito Simone Ferraioli, 34 anni

Trezzano Rosa (Milano) – Il cavalluccio bianco, il lettino, la poltrona rosa per cullarla prima della nanna. Tutto sciolto dalle fiamme in pochi istanti, Stella nascerà tra un mese, ma la sua cameretta è andata in fumo nell’incendio della villetta della sua famiglia, in via Roma a Trezzano, cinque giorni fa.

«Si è sciolto anche il letto dove io e suo padre stavamo dormendo prima di percepire nel sonno che qualcosa non andava. E’ stato davvero strano", racconta Francesca Borrelli, 33 anni, la futura mamma. Lei e il marito, Simone Ferraioli, 34, hanno avuto solo il tempo di infilare un giubbino, salvare i vicini, e scendere in strada.

"Abbiamo visto svanire in un attimo anni di sacrifici fatti per costruire il nostro nido – raccontano – ma vogliamo rifare tutto subito per la nostra piccola". Francesca è scappata con il pancione di otto mesi, "è stato tremendo – sospira –. Erano passate le 2, dormivano di gusto quando abbiamo sentito rumori provenire dalla casa che confina con la nostra. Sappiamo che lì ci sono le camere dei ragazzi e ci siamo subito preoccupati. Poi siamo stati storditi dall’odore di legno bruciato, abbiamo aperto la finestra e siamo fuggiti. Credo che sia stata Stella a lanciarci un segnale di pericolo. La bambina ci ha salvati".

Accanto a loro la notte del disastro "c’è stato tutto il tempo il sindaco Diego Cataldo, il Comune ci ha subito messo a disposizione un alloggio, ma noi abbiamo scelto di andare ospiti da mia madre, aveva uno spazio per noi. Visto il momento particolare, abbiamo preferito stare in famiglia. Non so quante altre città c avrebbero offerto immediatamente un’alternativa. Siamo molto grati per questo".

I Ferraioli hanno un sogno: sistemare tutto in tempo utile per l’arrivo della cicogna e Trezzano si è mobilitata per realizzare il desiderio dei due futuri genitori di Stella.

Amici e vicini della coppia hanno lanciato una petizione su Gofundme e in poche ore hanno già sfondato il tetto dei mille euro, ma per sistemare l’abitazione dal punto di vista strutturale ne servono almeno cinquantamila. "Un obiettivo alla portata", secondo i promotori che chiedono una mano a tutti, "aiutiamoli a uscire da questa brutta situazione".

L’amministrazione è pronta a costruire un percorso di rinascita con entrambe le famiglie coinvolte nell’incendio, ci sono anche i Brambilla, madre e due figli, un’altra mano tesa che fa piacere a tutti.

Intanto, le indagini dei vigili del fuoco chiariranno la causa del rogo, ma pare che l’epicentro e la causa sia stato il corto circuito di una presa. "Le case risalgono al 2006, non sono vecchie", spiega Francesca. Lei, dolcissima mamma, spera con tutto il cuore che Stella nasca con tutte le cose a posto. In mano ha la foto della cameretta che non c’è più, lei e Simone abbracciati appena finito di sistemarla. "Un dono che vogliamo fare a nostra figlia con tutto il cuore". Per chi volesse contribuire ed aiutare i genitori e la piccola Stella che nascerà presto ad avere una casa e una nuova cameretta si puà versil link è gofundme.com/f/simo-francy. 

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro