Chiesta condanna per l’infettivologo Massimo Galli, pm: “Concorso truccato”

L’accusa: lui “regista dell’operazione”, l’altro candidato “aveva capito che andare andare contro” l’ex primario era come “andare contro Maradona a Napoli”. La sentenza attesa per giugno

L'infettivologo Massimo Galli, ex primario del Sacco di Milano

L'infettivologo Massimo Galli, ex primario del Sacco di Milano

Milano – I pm di Milano Carlo Scalas e Eugenia Baj Macario hanno chiesto oggi una condanna ad un anno e 10 mesi per il noto infettivologo milanese Massimo Galli (ex primario del Sacco in pensione, tra i volti della fase più drammatica della pandemia Covid) nel processo per falso e per turbativa (in subordine, secondo i pm, per abuso d'ufficio) su uno dei filoni dell'inchiesta milanese su presunti concorsi pilotati per posti da professore e ricercatore alla Facoltà di medicina della Statale di Milano.

L'imputazione per Galli riguarda un concorso di quattro anni fa. Agostino Riva, suo stretto collaboratore, risultò il candidato vincente nel 2020 di un concorso per il ruolo di professore di seconda fascia in malattie cutanee, infettive e dell'apparato digerente. Per Riva i pm hanno chiesto una condanna ad un anno e 6 mesi, anche per lui, come per Galli, con le attenuanti generiche.

Per i pm, come spiegato oggi nella requisitoria, Galli fu "il regista dell'operazione”. Sempre per l'accusa, quello non fu, infatti, “un concorso vero”, ma il bando fu ritagliato “su misura”, con i criteri valutativi predefiniti, per Riva, come – secondo le accuse – sarebbe emerso da alcune intercettazioni tra Galli e Riva.

L'altro candidato, ha spiegato il pm Scalas, "aveva capito che andare contro Galli significa andare contro una macchina mediatica, perché Galli in quel periodo era uno dei big, andare contro Galli era andare contro Maradona a Napoli”. La sentenza potrebbe arrivare a giugno. Galli, presente in aula come a tutte le udienze e che si è sempre difeso dalle accuse, ha spiegato ai cronisti che parlerà “alla fine del processo” e che quel paragone con Maradona lo trova “ridicolo”.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro