Ferragni e lo scandalo beneficenza. L’indagine potrebbe allargarsi ai follower “fake”

Un nuovo capitolo dell’inchiesta di Milano, partita dal caso Balocco, potrebbe essere l’analisi dei numeri dell’influencer da 30 milioni di seguaci

Nuovi guai per Chiara Ferragni

Nuovi guai per Chiara Ferragni

Milano – Non c’è pace per Chiara Ferragni: dopo la bufera personale, con la notizia – non confermata ma in effetti non smentita – della crisi con il marito Fedez, si aggiunge un nuovo capitolo all’inchiesta che la vede indagata a Milano. Un nuovo tema su cui potrebbe focalizzarsi l'indagine per truffa aggravata a carico dell’imprenditrice digitale con al centro una serie di casi di presunta pubblicità ingannevole nella beneficenza  (tra cui quelli più noti del pandoro e delle uova di Pasqua) è la possibile verifica sui milioni di follower, quasi 30 in totale, che compaiono sul profilo Instagram dell'influencer.

Ipotesi follower fake

Analisi – allo stato un'ipotesi investigativa – utili per andare a vedere se siano presenti e in quale quantità, se possibile, follower “fake”, magari acquistati a pacchetti. Quel tipo di follower che in genere si presenta con nomi assurdi, stranieri, account vuoti, senza foto né altri elementi. 

Numeri da capogiro

Se si dovesse riuscire ad accertare uno scenario di questo tipo, infatti, gli inquirenti potrebbero fare valutazioni sui rapporti contrattuali tra l'influencer, che si è presentata con 30 milioni di utenti che la seguono, e le aziende controparti. Oltre che sul peso che la stessa imprenditrice ha quando vende un prodotto presentandosi con così tanti follower. L'"enfatizzazione” del fine caritatevole nella campagna promozionale sul pandoro 'Pink Christmas', ha scritto, ad esempio, la Procura generale della Cassazione, “amplificata dai mezzi di comunicazione” usati, come i social, ha indotto “in errore i consumatori”, che hanno “ritenuto” di “contribuire alla finalità benefica”, la “cui serietà era garantita anche dalla credibilità di una influencer da circa 30 milioni di follower”. Nelle indagini sui presunti raggiri nelle vendite, poi, da quanto si è saputo, potrebbe essere ascoltato anche un testimone che viene ritenuto rilevante, una sorta di teste-chiave.

Tutti i prodotti sotto la lente

Con le acquisizioni dei giorni scorsi da parte della Gdf anche il caso Oreo è entrato a pieno titolo tra quelli su cui la Procura sta cercando di far luce con l'indagine per truffa aggravata anche a carico dello stretto collaboratore di Ferragni, Fabio Maria D'Amato, di Alessandra Balocco e di Franco Cannillo della Dolci Preziosi per le uova di Pasqua. Indagini che, quindi, oltre pure al caso della bambola Trudi, si sono allargate ad una nuova iniziativa di vendita pubblicizzata sui social come solidale. In questa fase investigatori ed inquirenti stanno analizzando tutti i documenti raccolti, come mail e messaggi presi dai dispositivi e i contratti e poi più avanti potrebbero convocare gli indagati per gli interrogatori, se ci sarà dall'altra parte la volontà di rispondere. Anche se Ferragni, in ipotesi, potrebbe anche decidere di difendersi solo con una memoria scritta. Nel frattempo, ci sarebbe anche un teste importante per l'inchiesta, utile, pare, per approfondire le indagini.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro