I 30 concerti a San Siro, Prefettura e Comune: sì a un tavolo tecnico. In campo anche il Politecnico

L’obiettivo è preparare un piano su ordine, trasporti, parcheggi e acustica per limitare i disagi dei residenti. Il nodo della delibera sui limiti agli show

Grande attesa per Bruce Springsteen

Grande attesa per Bruce Springsteen

Milano, 1 marzo 2024 –  Il prefetto Claudio Sgaraglia ha attivato un tavolo tecnico per la gestione dei concerti della prossima estate nei tre impianti dell’area di San Siro: lo stadio Meazza e i due ippodromi La Maura e Snai San Siro.

Del tavolo, coordinato dalla Prefettura, fanno parte le forze di Polizia, i vigili del fuoco, il comandante della Polizia locale Marco Ciacci, i direttori dei settori comunali Protezione civile e Mobilità, rispettivamente Cristiano Cozzi e Stefano Riazzola, e la dirigente comunale dell’Area Sportello Unico Eventi Patrizia Aversano. Palazzo Marino ha chiesto e ottenuto che al tavolo partecipi anche il Politecnico per gli approfondimenti tecnici del caso.

L’attivazione del tavolo sui concerti nell’area di San Siro – gli eventi musicali inizieranno il 29 maggio con lo show dei Metallica alla Maura e con la doppia data del 1° e 3 giugno di Bruce Springsteen al Meazza – è stata decisa dopo un primo incontro in corso Monforte a fine gennaio a cui, per il Comune, hanno partecipato la vicesindaco Anna Scavuzzo e l’assessore allo Sport Martina Riva, e durante una successiva riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica a cui ha preso parte la Scavuzzo. A breve si svolgerà un nuovo incontro per valutare i primi risultati dello studio.

L’obiettivo di Palazzo Marino, dopo le proteste dei comitati dei residenti della zona di San Siro, è preparare un piano per il trasporto pubblico, i parcheggi, l’acustica, l’ordine pubblico e, in prospettiva, la nuova Ztl San Siro per provare a limitare i disagi degli abitanti del quartiere.

Approfondisci:

Eugenio Finardi e il caos concerti a San Siro: “Da residente mi ribello. Basta show, il quartiere è prigioniero del degrado”

Eugenio Finardi e il caos concerti a San Siro: “Da residente mi ribello. Basta show, il quartiere è prigioniero del degrado”

Dal 29 maggio al 17 luglio i concerti già fissati sono 30, con una sovrapposizione di due eventi il 30 giugno: Max Pezzali al Meazza e Tedua all’ippodromo Snai San Siro.

La Giunta comunale guidata dal sindaco Giuseppe Sala, intanto, ha promesso agli abitanti della zona, in vista dell’estate 2025, di rivedere le regole sui concerti stabilite dall’esecutivo a giugno. Quella delibera fissava il limite degli spettacoli a quota 34 – nell’estate 2024 siamo a 30 per ora – e il limite di capienza complessiva in una singola serata, in uno o più impianti, in 78.500 spettatori. I residenti di San Siro chiedono una stretta per il 2025.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro