La moto rubata all’associazione di volontariato è stata riconsegnata: “Non siamo ladri, volevamo solo divertirci”

Milano, lieto fine per l’associazione Ciapa La Moto del Corvetto alla quale due ragazzini avevano sottratto un mezzo utilizzato per fare divertire i bambini ricoverati in ospedale

Giovanni Battista Panigada con la moto rubata e riconsegnata

Giovanni Battista Panigada con la moto rubata e riconsegnata

Milano – Dopo quattro giorni è tornata al suo posto la moto rubata martedì 13 febbraio da Motosplash, il motolavaggio della zona Corvetto che è anche sede di Ciapa La Moto, sorta di piccolo hub di associazioni di volontariato. Il mezzo rubato nel pomeriggio di martedì aveva scatenato una serie di appelli sui social per ritrovarlo. È infatti una moto elettrica (valore circa 5.000 euro) che l’associazione No Barriers (che ha in Ciapa La Moto un punto di riferimento) utilizza per le iniziative di animazione e svago all’interno degli ospedali e con i disabili

I ladri ripresi dalle telecamere dei Motosplash
I ladri ripresi dalle telecamere dei Motosplash

È lo stesso Giovanni Battista Panigada, anima di Ciapa La Moto, a raccontare il lieto fine della storia: “Nella serata di ieri (venerdì 16 febbraio, ndr) una persona è venuta a riconsegnare la moto. Mi ha detto di essere un parente dei due ragazzini che l’avevano rubata. Questa mattina poi gli stessi ragazzi, che hanno circa 15 anni, si sono presentati per scusarsi”.

Non quindi ladri pronti a rivendere il mezzo, ma adolescenti in cerca di divertimento: “Mi hanno detto che non volevano rivenderla – dice ancora Panigada – Che volevano solo farsi dei giri e divertirsi. Erano anche andati in un negozio a chiedere un caricabatterie per ricaricarla. Io avevo messo in giro la voce e poi il vostro articolo ha circolato parecchio qui nella zona ed è stato lo stesso negozio a contattarmi. Insomma, il cerchio si stava un po’ chiudendo su questi due giovanissimi. Poi però si è presentato il loro parente e quindi la vicenda è finita nel migliore dei modi. Lunedì andrò anche a ritirare la denuncia”. 

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro