Fedez e il caso Iovino, il sorriso beffardo sui social: “Parlate di me? Sono al Salone del libro”

Il rapper milanese dal concerto dei Nofx alla fiera di Torino. Ma silenzio sulla rissa al The Club con il personal trainer e sul pestaggio subito da Iovino nella notte fra il 21 e il 22 aprile

Fedez al concerto dei Nofx e sul suo divano (foto Is)

Fedez al concerto dei Nofx e sul suo divano (foto Is)

Mentre sui media esplode il caso sul pestaggio del personal trainer Cristiano Iovino a cui, secondo un testimone, avrebbe assistito anche Fedez, il rapper sui social non ne fa parola. Anzi, si mostra sereno e in alcune storie racconta le sue giornate (e nottate) senza l’ormai ex Chiara Ferragni. Tra un allenamento di boxe e un’iniziativa benefica con la fondazione che porta il suo nome, Federico Lucia su Instagram posta una storia in cui appare sul palco del concerto dei NOFX, ieri al Carroponte. Poi, sdraiato sul divano, con un sorriso beffardo esclama: “Ehi, stavate parlando di me? Io sono al Salone del libro tra poco. Con il presidente dell'ordine degli psicologi, tra poco a Torino. Sarà divertente”. 

Approfondisci:

Ludovica Di Gresy, chi è la ragazza del gossip con Fedez presente alla rissa al The Club

Ludovica Di Gresy, chi è la ragazza del gossip con Fedez presente alla rissa al The Club

Il messaggio sui social

Più che un invito a seguire il suo intervento a Torino, quello di Fedez sembrava un messaggio rivolto a quanti stanno cercando di capire quale ruolo abbia realmente avuto la notte fra il 21 e il 22 aprile, quando Iovino, dopo un diverbio iniziato nella discoteca The Club, dov’era presente anche il rapper, è stato raggiunto sotto casa da un gruppo di persone, tra cui alcuni ultrà rossoneri, e lì pestato a sangue. Una vicenda su cui ora tentano di far luce gli inquirenti anche grazie alle testimonianze dei vigilantes che hanno dato l’allarme e alle riprese delle telecamere della zona.  E mentre gli investigatori tentano di sbrogliare l’intricata matassa senza l’aiuto della vittima (Iovine ha da subito detto di non voler sporgere denuncia e di non conoscere i suoi aggressori) Fedez vuol mostrare al mondo (dei social) di essere sereno e proseguire nella scaletta dei suoi impegni programmati.

Approfondisci:

Di Gresy, Fedez e Iovino: la rissa, la telefonata, gli ultras del Milan e il pestaggio. La ricostruzione minuto per minuto

Di Gresy, Fedez e Iovino: la rissa, la telefonata, gli ultras del Milan e il pestaggio. La ricostruzione minuto per minuto

“Massacro? Io non c’ero”

E oggi pomeriggio, prima dell’incontro sulla salute mentale alla fiera di Torino, rispondendo ai giornalisti, Fedez ha sottolineato: “Tutti parlano di un massacro, ma poco dopo Iovino è andato a ballare. Se non ci fosse il mio nome non ci sarebbe notizia”. E, in relazione a quanto accaduto quella sera, precisa: “Io non c'ero, e dalla telecamera non si vede niente. Si parla di 9 persone che hanno massacrato una persona, tutti ultras del Milan. La persona viene aggredita, arriva l'ambulanza ma non viene portata in ospedale. Non c'è un referto medico e non ha denunciato, di cosa stiamo a parlare?”

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro