Un laboratorio dell'ospedale Sacco di Milano
Un laboratorio dell'ospedale Sacco di Milano

Codogno (Lodi), 21 febbraio 2020 - Sono saliti a sei i casi accertati di coronavirus in Lombardia. Un 38enne, originario di Castiglione d'Adda (Lodi), è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Codogno. Il giovane lavora nella sede lodigiana della multinazionale Unilever a Casalpusterlengo, sempre nel Lodigiano. Nell'azienda è scattata la procedura di emergenza: i dipendenti, che sono stati tutti sottoposti a tampone, rimarranno a casa per due settimane. 

Le persone a contatto

Il giovane nei giorni scorsi avrebbe frequentato un corso di pronto soccorso e sabato ha giocato una partita di calcio nel Cremasco. A questo proposito sia i suoi compagni sia la squadra avversaria, l'Amatori Sabbioni, è stata messa in quarantena, mentre il Csi (Centro sportivo Italiano) ha sospeso alcune attività sportive. In particolare il Csi Lodi ha sospeso tutte le gare dei campionati di pallavolo, pallacanestro, calcio a 11 ed atletica della bassa lodigiana, mentre il Csi del comitato di Crema, la cittadina in cui si è disputata l'amichevole di calcio a 11, sta valutando caso per caso, bloccando le partite delle società in cui militano atleti delle zone interessate.   "Dal 16 non è venuto a correre" ha dichiarato il presidente del gruppo podistico Codogno '82, Carlo Benuzzi.  "Siamo venuti alla mezza maratona delle Due perle a Santa Margherita Ligure lo scorso 2 febbraio, ha corso con me, stava bene, c'era anche sua moglie, abbiamo corso insieme domenica 9 mentre il 16 non si è presentato a correre".

Oggi sono risultati positivi al coronavirus anche la moglie, un conoscente del 38enne che ha praticato col giovane attività sportive e altre tre persone che si sono presentate all'ospedale di Codogno con quadro clinico di polmonite. Gli esperti sono al lavoro per capire se abbiano avuto contatti con gli altri tre contagiati. La compagna del 38enne - di professione insegnante - è in attesa di un bambino ed essendo all'ottavo mese di gravidanza è in congedo maternità. Oltre 150 persone sono state sottoposte a tamponi. Sono 250 le persone poste in isolamento, tra cui una collega di lavoro del 38enne che presenta i sintomi del virus. La donna si trova nel reparto di Malattie Infettive dell'Ospedale di Piacenza e sono attesti gli esiti del tampone. "Ad ora le dimensioni del fenomeno le stiamo vedendo e definendo minuto dopo minuto" ha spiegato l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, aggiungendo che "per ora non c'è la necessità di confinare in isolamento tutta la popolazione. Se ci sarà un livello superiore di difficoltà, sarà il ministero della Salute e Interni a decidere. A oggi è misura di carattere prudenziale e precauzionale". 

L'arrivo all'ospedale di Codogno

"Il 38enne ha iniziato a manifestare i primi sintomi giorno 15 febbraio, è andato in Pronto soccorso il 18, lamentando uno stato febbrile. Lì è rimasto alcune ore e poi è stato rimandato a casa, quindi è peggiorato ed è stato ricoverato. La sua situazione è degenerata velocemente. In terapia intensiva, di fronte alle insistenti domande degli anestesisti, la moglie ha ricordato che il marito ha avuto più incontri con un amico che era stato in Cina. Da lì i tamponi e la conferma" ha detto l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, in conferenza stampa in merito ai casi di Coronavirus emersi nel Lodigiano. "Abbiamo anche trovato l'uomo che era tornato dalla Cina il 21 gennaio - ha aggiunto l'assessore -. Ora è al Sacco, ha effettuato i controlli e sta bene". L'uomo è risultato negativo ai test. "A un certo punto il virus viene eliminato e il test potrebbe non rilevarlo più", ha precisato infatti l'assessore. Per questo materiale biologico è stato "inviato all'Istituto superiore della sanità per la ricerca degli anticorpi.

La ricerca del paziente zero

Stando a quanto ricostruito avrebbe frequentato a inizio febbraio un collega rientrato dalla Cina per una cena in un locale a Milano. Si tratta di un manager che lavora per la Mae, un'azienda di Fiorenzuola d'Arda, nel Piacentino, specializzata in impianti per fabbricazione di fibre sintetiche e polimeri per l'edilizia. E' dunque lui il paziente zero, come è stato confermato dal tampone. La Ausl di Piacenza ha avviato verifiche e controlli anche sul territorio emiliano. A scopo precauzionale, è stata inviata una squadra sanitaria per il controllo dei lavoratori della Mae, oggi chiusa per precauzione. Come spiegato da Gallera il paziente zero era rientrato in Italia a fine gennaio e avrebbe incontrato in più occasioni il 38enne di Codogno. "Non sta male, non ha mai avuto sintomi, eccetto una leggerissima febbre - ha detto l'assessore - ora si trova al Sacco di Milano, in buone condizioni". 

Gallera: se avete sintomi non andate in pronto soccorso

"Altre due persone residenti a Castiglione D'Adda sono risultate positive al test del Coronavirus. Si tratta della moglie del 38enne in terapia intensiva e di uno stretto conoscente. I due pazienti si trovano attualmente in stato di isolamento" ha confermato l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, che ha invitato "tutti i cittadini di Castiglione d'Adda e di Codogno, a scopo precauzionale, a rimanere in ambito domiciliare e ad evitare contatti sociali". Gallera sottolinea che "per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori l'indicazione perentoria è di non recarsi in pronto soccorso ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte oppure ad eseguire eventualmente i test necessari a domicilio".

All'ospedale di Codogno

"Sono stati già effettuati tutti gli accertamenti diagnostici necessari sui medici, gli infermieri e i pazienti dell'ospedale di Codogno (Lodi). Abbiamo tutti i tamponi già pronti" ha detto l'assessore alla Sanità di Regione Lombardia, Giulio Gallera. Il pronto soccorso era già stato chiuso a scopo precauzionale. "I reparti interessati dagli accertamenti sono anche la terapia intensiva e la medicina interna - ha aggiunto Gallera - mentre gli altri funzionano normalmente".

A Milano

Stanno arrivando all'ospedale Sacco di Milano tre pazienti dall'ospedale di Codogno (Lodi) al Sacco di Milano. Il  più grave, il 38enne in terapia intensiva, resta invece all'ospedale di Codogno, perché non è trasportabile. All'ospedale Sacco di Milano sono già in osservazione la moglie del "caso indice", ovvero il 38enne del Lodigiano; un amico risultato positivo e il cosiddetto "paziente zero", l'amico tornato dalla Cina il 21 gennaio ma risultato negativo al test. Sempre all'ospedale Sacco di Milano è ricoverato con una polmonite il medico di base che ha visitato per primo il 38enne; il dottore è stato sottoposto all'esame del Coronavirus e si è ancora in attesa dei risultati.   

(ha collaborato CARLO D'ELIA)