L.M.
Cronaca

Milan, contestazione in latino contro Cardinale: il tifoso arrabbiato cita Cicerone

Un supporter rossonero si è presentato a Casa Milan con un cartello contro il presunto immobilismo della società sul mercato. Nel manifesto una parafrasi delle Catilinarie

Il contestatore; a destra, Gerry Cardinale

Il contestatore; a destra, Gerry Cardinale

Milano, 8 luglio 2024 – L’atmosfera intorno al Milan targato Paulo Fonseca non è fra le più calde. Oggi, giorno della presentazione del tecnico portoghese e del raduno a Milanello (assente la Curva Sud, si sono fatti vivi non più di 250 tifosi), c’è stato chi ha “volato alto” per manifestare il suo disappunto di fronte all’atteggiamento della società sul mercato, percepito come una sorta di immobilismo. 

Un supporter rossonero questa mattina si è presentato a Casa Milan, dove si è tenuta la prima uscita pubblica del nuovo allenatore, a fianco di Zlatan Ibrahimovic, inalberando un cartello con una scritta in latino. In una parafrasi di uno dei passaggi più noti delle Catilinarie, le orazioni firmate da Cicerone, il tifoso arrabbiato ha lanciato un messaggio alla proprietà: “Quousque tandem, Cardinale, abutere patientia nostra?”.

"Fino a quando, dunque, Cardinale, abuserai della nostra pazienza?”. Sostituendo al nome di Catilina quello del numero uno di RedBird, il gruppo americano proprietario del Milan, il supporter – tanto pacato quanto deciso nel manifestare il suo dissenso – ha voluto “dare la sveglia” al club, invitandolo a muoversi sul mercato. Il tifoso si è intrattenuto con alcuni dei giornalisti in attesa di salire a Casa Milan, invitandoli a porre domande incalzanti a Fonseca e, soprattutto, Ibra.