NICOLA PALMA e MARIANNA VAZZANA
Cronaca

Milano, ragazzo accoltellato fuori dalla pizzeria accanto al Meazza: dietro al raid l’ombra degli ultras del Milan

Venticinquenne ferito a inguine e fianco dopo la partita contro il Cagliari. L’indagine della polizia su alcuni tifosi: video al setaccio

Gli ultras del Milan e un frame estrapolato dal video dell'aggressione

Gli ultras del Milan e un frame estrapolato dal video dell'aggressione

Milano –  Due video immortalano la scena. Mancano pochi minuti alla mezzanotte di domenica, siamo in via Capecelatro, a due passi da San Siro: un’ora prima, l’arbitro ha fischiato la fine della partita tra Milan e Cagliari. Tanti tifosi sono ancora in zona per mangiare qualcosa al ristorante o dal paninaro. All’improvviso, succede qualcosa davanti alla pizzeria "Al Meazza": nel filmato si vede un gruppo di persone, tutte vestite con maglietta e pantaloni neri, che si muovono in maniera disordinata verso l’ingresso del locale. Non si capisce bene cosa stia accadendo, ma di sicuro si intuisce che c’è una zuffa in corso. All’improvviso, qualcuno tira fuori una lama e sferra due fendenti contro un venticinquenne romeno, colpendolo al fianco e all’inguine. In pochi secondi, tutti si allontanano.

La chiamata al 112 arriva proprio dal titolare del ristorante, che segnala il litigio tra più persone. Nel frattempo, il ferito si trascina a fatica per un isolato, fino in via don Gnocchi: lì viene soccorso dai sanitari di Areu, che lo trasportano in codice giallo al pronto soccorso dell’ospedale San Carlo; i primi bollettini medici escludono sin dall’inizio il pericolo di vita, le coltellate non hanno lesionato organi vitali. Negli stessi minuti, scattano le indagini della polizia, che, a quanto risulta al Giorno, avrebbero già preso una direzione diversa: quella che porta al coinvolgimento di alcuni ultrà della Curva Sud di fede rossonera.

I filmati che hanno ripreso il raid potrebbero aver rimandato immagini molto chiare di quanto accaduto, con tanto di volti a cui dare un nome (ammesso che non siano già noti a chi si occupa abitualmente di tifo organizzato); e di conseguenza è probabile che il cerchio si chiuda già nelle prossime ore. Del resto, non sarebbe la prima aggressione in via Capecelatro da parte di tifosi milanisti. Era già successo dopo la partita di Champions League tra Milan e Dinamo Zagabria, la sera del 15 settembre 2022: in quell’occasione, alcuni incappucciati erano saliti a bordo del furgone di un ambulante che vendeva panini vicino allo stadio e l’avevano malmenato, utilizzando anche mazze e bastoni.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro