Milano, l’archivio di Pier Fausto Bagatti Valsecchi in mostra fino al 25 febbraio

Nel museo dedicato alla collezione di famiglia, viene reso pubblico il lavoro dell’artista, recentemente scomparso, tra i fondatori di Italia Nostra e tra i primi membri del consiglio Fai

Una diapositiva dell'archivio di Pier Fausto Bagatti Valsecchi
Una diapositiva dell'archivio di Pier Fausto Bagatti Valsecchi

Milano, 21 dicembre 2023 – “Pier Fausto Bagatti Valsecchi e l’architettura di paesaggio” è il titolo della mostra, a cura di Aurora Ghezzi e Lorenzo Vanda che sarà esposta fino al 25 febbraio 2024 al museo Bagatti Valsecchi. È la seconda mostra del progetto espositivo “Vivi L’archivio”, una serie di approfondimenti per valorizzare il patrimonio archivistico della Fondazione Bagatti Valsecchi, nata dal desiderio del padre di Pier Fausto, Pasino, d’accordo con il figlio e le figlie Cristina, Anna Maria e Fausta. L’idea è stata quella di rendere accessibile la collezione di famiglia al pubblico. 

La mostra, dedicata a Pier Fausto Bagatti Valsecchi, scomparso di recente, si sviluppa intorno al suo archivio dedicato al mondo dell’architettura di paesaggio e ai giardini. Pier Fausto è stato protagonista delle vicende culturali del secondo dopoguerra milanese partecipando con vivo interesse alle iniziative artistiche promosse nella capitale meneghina, oltre esser stato tra i primi membri del consiglio del FAI e tra i fondatori di Italia Nostra, associazione creata per tutelare il patrimonio storico, artistico e naturale della nazione.

Pier Fausto Bagatti Valsecchi, già presidente della commissione giardini storici del Ministero dei Beni Culturali, ha introdotto il concetto del National Trust inglese, un'organizzazione di beneficenza finalizzata alla custodia e alla tutela dei luoghi storici e delle bellezze naturali. Ha inoltre ha sempre sostenuto la specificità dei giardini come monumenti caratterizzati dalla presenza di materiali viventi: è sua l’idea di concepire il giardino sia come monumento sia come documento.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro