Lodi, boom di incidenti per colpa degli animali selvatici. “Aumentano lupi, caprioli e volpi: fate attenzione”

L’allarme lanciato dalla Polizia provinciale: oltre ai danni ai veicoli si rischiano conseguenze gravi. Il maggior numero di episodi nella Bassa

Un capriolo attraversa la strada (foto di repertorio)

Un capriolo attraversa la strada (foto di repertorio)

Continui investimenti di animali selvatici in tutto il Lodigiano, "occorre prestare attenzione, per scongiurare danni e in caso di incidente, è obbligatorio attivare le nuove procedure telematiche per sveltire i rimborsi". La comunicazione arriva dalla polizia provinciale, comandata da Massimiliamo Castellone e dal presidente della Provincia Fabrizio Santantonio, che invitano alla massima cautela.

Tra il 2023 e il 2024, con 6 episodi solo quest’anno, nel Lodigiano sono stati investiti oltre venti selvatici tra caprioli, lupi, volpi, cervi, tassi etc. La maggior parte degli investimenti sono avvenuti nel Basso Lodigiano, a Somaglia, Castiglione D’Adda, Maleo, Terranova Passerini, Castelnuovo Bocca D’Adda e nel circondario. Ma non mancano episodi nemmeno nel nord Lodigiano come quando, a febbraio purtroppo, è stata travolta e uccisa una cerva di allevamento. L’investimento più recente è stato quello di un lupo, il 4 marzo, a Ospedaletto Lodigiano, poco lontano dall’azienda Inalca.

“Sono in notevole aumento i caprioli, che possono arrivare fino a 40 chilogrammi di peso, oltre al fatto che, con la caccia al cinghiale in corso, tutti i selvatici sono molto più in movimento rispetto al passato. Parlo di tassi, volpi - spiega Castellone -. Quindi, soprattutto all’alba e al crepuscolo, ai conducenti si consiglia la massima attenzione. Questo perché, oltre ai danni, in caso di investimento, ci si può fare seriamente male. Inoltre non è possibile portarsi a casa la carcassa, ma si deve sempre segnalare il ritrovamento alle forze dell’ordine".

In pochi mesi, nel Basso Lodigiano, sono stati investiti ben sei lupi. E ora la Provincia sta divulgando le nuove indicazioni di Regione Lombardia proprio in merito agli incidenti con fauna selvatica. È infatti operativa, dal 15 febbraio, la nuova procedura telematica per le richieste di risarcimento danni. Una misura adottata per far fronte al forte incremento di incidenti (e danni) causati da fauna selvatica e velocizzare i rimborsi.

Il portale della Regione, intanto, è stato aggiornato con nuovi contenuti, tra cui un sintetico ma esaustivo elenco di consigli sui corretti comportamenti da tenere alla guida o in caso di collisione con un animale. È stata attivata, inoltre, dal 15 febbraio, una nuova procedura telematica, obbligatoria dal 16 marzo, che consente ai danneggiati di inoltrare la richiesta ed ottenere l’indennizzo in maniera pratica e molto più veloce, grazie anche alla polizza ad hoc “Kasko per collisione con fauna selvatica”, accedendo al servizio dal seguente link “Accedi al servizio” sul portale Bandi e Servizi di Regione Lombardia.