"Con i sistemi di riconoscimento targhe si ferma a colpo sicuro"

Aumento preoccupante di automobilisti senza assicurazione e senza patente a Legnano nel 2023. Anche le infrazioni più comuni, come l'uso del cellulare in auto, sono in aumento. Controlli intensificati ma comportamenti a rischio in crescita.

"Con i sistemi di riconoscimento targhe si ferma a colpo sicuro"
"Con i sistemi di riconoscimento targhe si ferma a colpo sicuro"

Copertura assicurativa totalmente mancante e guida senza patente: sono proprio questi due dati - anche per il peso che possono avere nella circolazione di tutti i giorni in città - a risultare particolarmente degni di nota, in negativo, tra quelli forniti dalla Polizia locale di Legnano. Il numero di vetture sottoposte a controllo e che sono risultata scoperte da ogni forma di certificato assicurativo, infatti, sono state nel corso del 2023 ben 296: l’anno precedente, il 2022, erano state in tutto 154 e nel 2021, ancora meno, 123. Per quanto riguarda invece gli automobilisti fermati alla guida di un’autovettura e totalmente sprovvisti di patente di guida, i casi rilevati nell’anno da poco concluso sono stati 63: erano 31 nel 2022 e 26 nel 2021. Se a questo aggiungiamo che, anche per quanto riguarda le autovetture fermate e trovate senza regolare revisione, l’aumento è stato comunque considerevole (1116 contro 899 del 2022), è normale pensare che alcuni comportamenti a forte rischio, che non tutelano gli altri utenti delle strade cittadine, siano in rapido aumento. "Bisogna inserire i dati dell’ultimo report in un contesto di controlli ampiamente cresciuti in numero - spiega il comandante della Polizia locale, Daniele Ruggeri, che con gli uomini a disposizione si trova ad affrontare un numero di compiti ogni anno in crescita - ma è evidente che questi fenomeni sono in preoccupante aumento. Quanto alla guida senza certificato assicurativo un passo avanti è stato compiuto conl’utilizzo dei sistemi di riconoscimento targhe, che ci permettono di identificare a priori quali siano i veicoli da fermare per poi sanzionare gli automobilisti a colpo sicuro con le nostre pattuglie posizionate poco più avanti: anche questo ha garantito un numero di sanzioni rilevate in aumento. Ma la generale disattenzione verso le regole del vivere civile emerge anche per le infrazioni più classiche: dall’uso del cellulare in auto al mancato utilizzo delle cinture".P.G.