"Ambulanza dei desideri". Il conforto di un altro viaggio ai malati accolti all’Hospice

Il progetto di 3SG e del Comitato della Cri con testimonial il campione di basket Dino Meneghin. Il veicolo consentirà ai pazienti di andare a trovare un amico, di rivedere il mare o la montagna.

"Ambulanza dei desideri". Il conforto di un altro viaggio ai malati accolti all’Hospice

"Ambulanza dei desideri". Il conforto di un altro viaggio ai malati accolti all’Hospice

Realizzare i desideri dei malati terminali accolti all’hospice Altachiara di 3SG a Gallarate: ora sarà possibile grazie al progetto "Ambulanza dei desideri" presentato nei giorni scorsi da 3SG e dal Comitato gallaratese della Croce Rossa Italiana, con testimonial il fuoriclasse del basket Dino Meneghin. Il veicolo attrezzato sarà messo a disposizione dalla Cri e consentirà ai pazienti che affrontano la fase terminale della patologia di raggiungere luoghi e persone che hanno amato di più nulla vita, di realizzare un’aspirazione, di andare a trovare un vecchio amico, di rivedere il mare o la montagna, di seguire un concerto o una partita. Desideri che non resteranno più chiusi nel cassetto, ad accompagnare i malati volontari con formazione all’ascolto, soccorritori, medici e infermieri. Piccoli ma allo stesso tempo grandi desideri che per chi vive una situazione di grave patologia rappresentano spesso un sogno irrealizzabile invece all’hospice non sarà più così e l’ambulanza è pronta a partire già questo mese di dicembre per esaudirli, per regalare ancora emozioni. "Anche se non è più possibile curare la malattia si può fare ancora molto per prendersi cura della persona" ha affermato alla presentazione la direttrice di 3SG, Marusca Bianco, sintetizzando la filosofia del progetto in linea con l’azione quotidiana accanto al malato dell’hospice. Ha sottolineato la presidente dell’Azienda, Roberta Maurino "mi commuove pensare di dare un sorriso a persone che vivono il momento di massima fragilità nella loro vita". Il viaggio sarà gratuito e verrà effettuato previa richiesta scritta del paziente e dei familiari, richieste prese in carico dal personale dell’hospice che, valutate, organizzeranno il viaggio.

Alle famiglie è già stato messo a disposizione il materiale informativo per salire sull’ambulanza dei desideri. Si conta di cominciare a breve, "Mi piacerebbe che fosse una sorta di dono da dare presto ai nostri ospiti, un regalo che possono trovare sotto l’albero" ha auspicato la presidente Maurino. Testimonial d’eccezione del progetto il grande campione Dino Meneghin.