Sciopero Atm e Trenord di mercoledì 24 gennaio, a rischio treni, metro e bus: orari e fasce garantite

La protesta è stata proclamata dai sindacati Usb Lavoro Privato e Al Cobas. Possibili ripercussioni anche sulla viabilità stradale: cosa c’è da sapere

Un treno Caravaggio di Trenord, a sinistra, e la metro rossa di Milano
Un treno Caravaggio di Trenord, a sinistra, e la metro rossa di Milano

Quella di mercoledì 24 gennaio sarà un’altra giornata difficile per i pendolari della Lombardia e di Milano. I sindacati di base hanno proclamato uno sciopero nazionale dei trasporti che coinvolgerà anche Trenord e l’Azienza trasporti milanese (Atm). A rischio treni, metro, tram e autobus. Anche la viabilità stradale potrebbe subire rallentamenti a causa del maggiore afflusso di automobili (l’unico mezzo sostituivo per molti viaggiatori). 

L’agitazione è stata indetta dalle sigle Usb Lavoro Privato e Al Cobas ed è possibile che si verifichino disagi consistenti. In passato, la percentuale di lavoratori che ha aderito agli scioperi di questi sindacati è stata piuttosto alta, raggiungendo picchi di oltre il 25 per cento (numero sufficiente a causare cancellazioni e blocchi di linee).  

Orari e fasce di garanzia

La protesta dei lavoratori impatterà sui servizi Atm “dalle 8.45 alle 15.00 e poi dalle 18.00 fino al termine del servizio”. Le fasce di garanzia andranno pertanto dall’inizio del servizio fino alle 8.45 e dalle 15.00 alle 18.00. I disagi riguarderanno anche la funicolare Como-Brunate, gestita dall'azienda milanese: lì lo sciopero potrebbe avere conseguenze sul servizio dalle le 8.30 alle 16.30 e dopo le 19.30, fino al termine del servizio.

Per quanto riguarda Trenord – che non sciopera direttamente ma è coinvolgo dalla protesta dei lavoratori dell’infrastruttura FerrovieNord – le fasce orarie di garanzia andranno dalle 6.00 alle 9.00 e dalle 18.00 alle 21.00.

Le linee Trenord interessate

Trenord ha comunicato che potranno essere interessati i treni circolanti esclusivamente su rete FerrovieNord:

Milano Cadorna – Canzo/Asso, Como Lago/Novara Nord/Laveno/Varese,

S3 Milano Cadorna – Saronno,

S4 Milano Cadorna - Camnago L.

Brescia/Iseo – Edolo.

Coinvolti anche i collegamenti aeroportuali Malpensa Express e S50 Malpensa Aeroporto - Bellinzona.

Non sono coinvolti i treni circolanti unicamente sulla rete ferroviaria Rfi, ma saranno possibili ripercussioni sulle seguenti linee a gestione mista:

S1 Saronno – Milano Passante – Lodi;

S2 Milano Rogoredo – Seveso;

S9 Saronno – Seregno – Milano – Albairate;

S12 Milano Bovisa – Melegnano;

S13 Milano Bovisa – Pavia.

I treni circolanti esclusivamente sulle linee Ferrovienord, con partenza prevista dalla stazione di origine entro le ore 9.00 arriveranno fino alla destinazione finale; nella fascia pomeridiana, invece, con partenza prevista dalla stazione di origine entro le ore 21.00. Per quanto riguarda i treni in arrivo/partenza da/per la rete di Rfi bisogna considerare l’orario di partenza dalle stazioni di Milano Bovisa e Seregno.

Nel caso di non effettuazione dei treni, saranno istituiti autobus senza fermate intermedie, per i soli collegamenti aeroportuali:

tra Milano Cadorna e Malpensa Aeroporto (da Milano Cadorna partiranno da via Paleocapa 1);

tra Busto Arsizio FS e Malpensa Aeroporto per la linea S50.