Quotidiano Nazionale logo
11 ott 2021

Covid in Italia e Lombardia, il bollettino dell'11 ottobre: 1.516 casi e 34 morti

A livello nazionale la curva pandemica si conferma in calo. In  Lombardia i nuovi positivi sono 87 e 5 i decessi

 "Sì, la luce in fondo al tunnel si vede  "ma 'adda passà 'a nuttata'". Il virologo Fabrizio Pregliasco cita Eduardo De Filippo per dire che "dobbiamo ancora stringere i denti, immaginando questo inverno come l'ultima battaglia rispetto a possibili recrudescenze legate al fatto che si inseriscono tutti gli elementi di rischio: riaperture, scuola aperta, lavoro in presenza, un distanziamento sempre meno attuato. Quindi io penso - prevede l'esperto - che ci potrebbe essere un'altra 'ondina'" di  Covid-19, "però ritengo che la primavera ci porterà fuori dall'emergenza".  Una buona notizia che si aggiunge ai dati di uno studio del Cnr che evidenzia come "con mascherina, distanziamento e ricambio d'aria, nei luoghi pubblici al chiuso il rischio di trasmissione in aria del virus Sars-Cov-2 è stato quasi azzerato, risultando inferiore al minimo rilevabile". Una "luce" quindi nella settimana che porta all'obbligatorietà del green pass sul lavoro, dopo un sabato di proteste violente a Milano e Roma

I dati odierni, come ogni lunedì, sono parzialmente falsati dallo scorsa numero di tamponi eseguiti ieri, domeni 10 ottbre. Ancora in calo la curva epidemica in Italia. I nuovi casi sono 1.516, contro i 2.278 di ieri ma soprattutto i 1.612 di lunedì scorso. Con pochi tamponi, come sempre nel post-weekend: 114.776, 156 mila in meno. Tanto che il tasso di positività sale da 0,8% a 1,3%. I decessi sono 34 (ieri 27), per un totale di 131.335 vittime dall'inizio dell'epidemia. In aumento i ricoveri, come spesso avviene il lunedì per le poche dimissioni del weekend: le terapie intensive sono 10 in piu' (ieri -3) con 18 ingressi del giorno, e salgono a 374, mentre i ricoveri ordinari sono 37 in piu' (ieri -41), 2.688 in tutto. 

In Lombardia sono 87 i nuovi casi a fronte di 15.266 tamponi effettuati (lo 0,5%), e 5 le persone decedute. Lo comunica la regione nel consueto bollettino sull'andamento della pandemia. Un nuovo ingresso in terapia intensiva, mentre calano i ricoverati non in terapia intensiva, -8. Questi i nuovi casi per provincia: Milano: 32 di cui 14 a Milano citta'; Bergamo: 12; Brescia: 11; Como: 6; Cremona: 4; Lecco: 1; Lodi: 2; Mantova: 2; Monza e Brianza: 5; Pavia: 3; Sondrio: 2; Varese: 2.

 

E' la settimana del Green pass. Aziende a rischio caos. Rispunta l'idea obbligo vaccinale

Tampone per Green pass: ecco quali sono validi, quanto costano e quanto durano

Green pass e ritorno in ufficio: le regole per un pranzo sicuro e gluten free

 

 

Italia

Sono state finora 11.056 le prescrizioni di anticorpi monoclonali contro il Covid-19 in Italia. Di queste 508 sono state effettuate dal 1 al 7 ottobre. Lo evidenzia il 27/mo report dell'Agenzia Italiana del farmaco (Aifa) sul monitoraggio di questi farmaci destinati a soggetti a rischio di progressione al 
Covid-19 severo. Prescritti in base a precisi criteri e monitorati attraverso apposito registro, gli anticorpi monoclonali non hanno ancora ricevuto l'approvazione dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA). In Italia sono stati autorizzati in via temporanea con Decreto del Ministro della salute a febbraio 2021 e resi disponibili a partire da marzo. Sono 200 le strutture di 21 Regioni o Province autonome che li hanno prescritti e la maggior parte dei pazienti trattati (5.979) ha ricevuto la combinazione di casirivimab-imdevimab, seguita dal mix bamlanivimab e etesevimab (4.254), da bamlanivimab da solo (823, ora non più disponibile in monoterapia). Ancora non disponibile invece l'ultimo autorizzato, sotrovimab. Dall'inizio del monitoraggio, è il Veneto la regione ad aver trattato più pazienti con queste terapie, ovvero 1.793, seguito dal Lazio con 1.525 e Toscana con 1.488. Agli ultimi posti restano Molise e Provincia autonoma di Bolzano, fermi a 16 e 3. Nell'ultima settimana analizzata, il numero più alto di prescrizioni è stato in Veneto (136), seguito da Toscana (67) e Lazio (61). 

Covid Lombardia e Italia, bollettino coronavirus 10 ottobre: 2.278 casi e 27 morti

Lombardia

Questi i dati odierni, lunedì 11 ottobre 2021, sullo stato della pandemia in Lombardia.

I dati della Lombardia
I dati della Lombardia

 "Regione Lombardia ha superato oggi lo straordinario traguardo del 90% di adesioni alla campagna vaccinale: 8,1 milioni di lombardi su 8.966.991 over12 della platea Istat hanno detto si' al vaccino". A scriverlo è la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti, sul suo profilo Facebook. "Il 90% ha ricevuto almeno una dose, l'87% e' gia' stato vaccinato completamente. Siamo la prima Regione d'Italia con 15,3 milioni di somministrazioni effettuate in soli nove mesi. Se fosse uno Stato, la Lombardia sarebbe terza in Europa dietro Portogallo e Danimarca, quarta al mondo dopo anche Israele", ha sottolineato Moratti. Inoltre "buone notizie per la fascia 20/70 anni, quella dei lavoratori: 91% di adesioni, 90% di vaccinati con almeno una dose; 86% di vaccinati completi. La campagna per la somministrazione della terza dose di vaccino in abbinata all'antinfluenzale, dedicata a immunocompromessi e over80, procede ottimamente. Grazie all'esemplare senso civico dei cittadini lombardi e a medici, personale sanitario e amministrativo, esercito, protezione civile e volontari, oggi l'incidenza dei positivi al Covid su 100 mila abitanti si attesta a 20, molto al disotto della media nazionale, con l'occupazione di posti letto in area medica di meno del 5% e di ricoveri in terapia intensiva sotto al 4%", ha concluso la vicepresidentexxxx

Terza dose "booster", avanti in Lombardia con operatori sociosanitari e over 60

Regioni

Abruzzo Sono 6 (di etàcompresa tra 3 e 63 anni) i nuovi casi positivi. Il bilancio dei pazienti deceduti non registra alcun nuovo caso e resta fermo a 2549.

Alto Adige  Sei  nuovi casi su appena 1.205 tamponi processati nella giornata di ieri. Il bollettino odierno registra un nuovo decesso per un totale di 1.197 vittime collegate al coronavirus da inizio pandemia. 

Basilicata  Nella giornata di ieri sono stati processati 277 tamponi molecolari, di cui 9 sono risultati positivi. Nella stessa giornata sono state registrate 27 guarigioni.

Calabria Ad oggi, il totale dei tamponi eseguiti sono stati 1223979 (+1.648). Le persone risultate positive sono 84932 (+65) rispetto a ieri. 

Campania Sono 129 i casi positivi nelle ultime 24 ore, su 5.564 test esaminati.  Aumenta il tasso di incidenza. Se ieri era pari all'1,53%, oggi è 2,31%. Un solo decesso è stato registrato. Negli ospedali lieve aumento di ricoveri nelle terapie intensive che salgono a 14 (+2); stabile il dato per la degenza con 178 ricoveri (-1).

Friuli Venezia Giulia  Oggi su 1.333 tamponi molecolari sono stati rilevati 29 nuovi contagi con una percentuale di positività del 2,18%. Sono inoltre 999 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali è stato rilevato un caso (0,10%). Nella giornata odierna non si registrano decessi; sono 9 le persone ricoverate in terapia intensiva e 44 i pazienti in altri reparti. 

Emilia Romagna  Nelle ultime 24 ore, si sono registrati 191 nuovi casi di positività, sulla base di 9.710 tamponi registrati. Ma si contano ancora sei vittime, fra loro anche un uomo di 44 anni morto in provincia di Ferrara.  I casi attivi tornano a superare quota 15mila, ma il 97,5% degli attualmente positivi è in isolamento domiciliare perché non necessita di cure ospedaliere.

Lazio Su 8.730 tamponi molecolari e 3.841 tamponi antigenici, per un totale di 12.571 tamponi, si registrano 188 nuovi casi positivi  (-33 su ieri e -52 casi rispetto a lunedì scorso. I decessi sono 5 (+2 su ieri), 361 i ricoverati (+21), 51 le terapie intensive (+1) e 193 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è all'1,4%.

Liguria Sono 19 i nuovi positivi  a fronte di 1.199 tamponi molecolari effettuati nelle ultime 24 ore, ai quali si aggiungono altri 1.159 tamponi antigenici rapidi. Ad oggi risultano 55 persone ricoverate, 4 in meno di ieri. Di queste, 6 sono in terapia intensiva. Il bollettino riporta un nuovo decesso: le vittime da inizio emergenza salgono a 4.416. 

Marche Nelle ultime 24 ore sono stati individuati 17 nuovi casi, il 4,5% rispetto ai soli 377 tamponi processati  (ieri il rapporto era stato del 3,8%, con 79 casi su 2.089 tamponi); il tasso di incidenza ora è a 30,40 (ieri era a 34,03). Un decesso

Molise  In leggera risalita i contagi nella settimana appena passata. Negli ultimi sette giorni i nuovi casi sono stati 32 contro i 20 della settimana precedente. Risale di poco anche il tasso di positività che passa dallo 0,7 per cento all'1,2 per cento. Continuano invece a diminuire i numeri degli attualmente positivi, che in regione oggi sono 85 contro i 108 di una settimana fa. Stabile la situazione dei ricoveri: restano 3 i pazienti all'ospedale Cardarelli di Campobasso (uno di loro è in terapia intensiva)

Piemonte  Aumenta il numero dei ricoverati: +2 in terapia intensiva, dove il totale arriva a 19; negli altri reparti +15, totale a 179. I nuovi contagi  sono 109, con un tasso dello 0,6% sui 16.823 tamponi diagnostici processati (13.479 antigenici) con una quota del 64,2% di asintomatici. C'è stato un decesso, relativo a giorni precedenti a oggi: il totale delle vittime da inizio pandemia è 11.779. Le persone in isolamento domiciliare sono 3.051, i nuovi guariti 204.

Puglia  Sono 76 i nuovi casi di contagionelle ultime ore. Si tratta del'1% dei 7.566 test processati. La gran parte dei nuovi casi è attribuita alla provincia di Foggia in cui si contano 54 nuove positività. Gli attualmente positivi sono 2.402 di cui 134 ricoverati in area non critica 
covid e 21 in Terapia intensiva. Non si registrano decessi mentre i guariti da inizio pandemia a oggi salgono a 260.629.

Sardegna  23 i nuovi casi di positività  su 1.021 persone testate e 1.523 tamponi processati tra molecolari e antigenici. Non si registrano nuovi decessi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 13, uno in più rispetto a ieri, mentre sono 77 quelli in area medica. In isolamento domiciliare ci sono 1.637 persone (9 in meno rispetto a ieri).

Sicilia   Sono 345 i positivi al coronavirus ricoverati in regime ordinario negli ospedali siciliani, 42 quelli in terapia intensiva.  La Sicilia è la regione con l'incremento più consistente di casi nelle ultime 24 ore: sono stati 231 su un totale di 12.558 tamponi processati (incidenza all'1,8%). Nelle ultime 24 ore si contano anche 321 guarigioni, mentre solo due dei cinque decessi comunicati oggi risalgono alla giornata di domenica. Gli attuali positivi sull'Isola sono 19.653, 95 meno di ieri.

Toscana I nuovi casi sono 162 su 7.745 test di cui 5.075 tamponi molecolari e 2.670 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 2,09% (4,5% sulle prime diagnosi. Si registrano 6 nuovi decessi: 5 uomini e una donna con un'età media di 81,3 anni.

Trentino Nessun decesso. Ridotti, come accade sempre in corrispondenza della domenica, i tamponi analizzati ieri: 964 i test rapidi che hanno individuato 8 casi positivi e 90 molecolari che hanno riscontrato 2 nuovi casi. I nuovi guariti sono 8, per un totale pari a 46.929. 

Umbria Sono stati sei i nuovi positivi e scende da 46 a 45 il numero dei ricoverati complessivi negli ospedali mentre restano fermi a cinque i posti letto occupati nelle terapie intensive. Tra domenica e lunedì non ci sono stati altri morti per il virus mentre sono stati registrati 29 guariti. Gli attualmente positivi sono ora 649, 23 in meno del giorno precedente. 

Valle d'Aosta  Nessun decesso e nessun caso positivo al  Covid 19 in Valle d'Aosta. Nessun nuovo guarito è stato registrato dal bollettino regionale che segnala che il totale resta, dunque, di 11.623. Casi fino ad oggi testati sono 87.997 mentre i tamponi effettuati sono 196.918. I decessi di persone risultate positive al Covid inizio emergenza ad oggi sono 474.

Veneto  Con l'inizio della settimana scende la curva dei nuovi casi:  156 nelle ultime 24 ore, con il totale che passa a 472.672. Il Bollettino regionale riporta anche 2 decessi, per un totale di 11.794 vittime.

Mondo

Brasile Sono 167 i decessi provocati dal coronavirus nelle ultime 24 ore, con una media di 437 vittime al giorno la settimana scorsa, il livello più basso dal 13 novembre del 2020: dall'inizio della pandemia i morti sono 601.047 a fronte di un totale di 21.573.883 casi, inclusi 8.564 nella giornata di ieri.

Cina  Ieri in Cina continentale sono stati segnalati 25 nuovi casi confermati di Covid-19, tutti importati dall'esterno. Di questi, 14 sono stati segnalati nello Yunnan, 4 nello Shandong, 3 a Shanghai, 2 nel Guangdong e uno ciascuno nella Mongolia Interna e nel Guangxi. Non sono emersi nuovi casi sospetti né si sono verificati ulteriori decessi correlati alla malattia.

Nuova Zelanda  Annunciato l'obbligo del vaccino anti-Covid per gli operatori sanitari e per gli insegnanti. "No jab, no job" è la linea del governo rispetto a queste due categorie. I sanitari dovranno aver ricevuto la doppia dose entro il prossimo primo dicembre, mentre la scadenza per gli insegnanti è fissata al primo gennaio 2022.

Russia Registrati  29.409 nuovi casi nelle ultime 24 ore, rispetto ai 28.647 del giorno precedente, e 957 vittime. Lo ha reso noto il Centro di risposta federale alla pandemia, aggiornando il bilancio complessivo dei contagi a 7.804.774.

San Marino Sono 36 i casi totali di positività al Covid. Lo rende noto l'Istituto di sicurezza sociale. Due sono le persone ricoverate all'ospedale di Stato, una di loro si trova in terapia intensiva. Le quarantene attive sono 34. Il totale delle vaccinazioni effettuate dall'inizio della campagna fino a ieri è di 47.382 di cui 22.765 persone vaccinate con la prima dose e 24.617 con la seconda dose o con la dose unica. Il 51,6% dei vaccinati sono femmine e il 48,4% sono maschi. Ha completato il ciclo di immunizzazione l'81,50 % della popolazione vaccinabile. 

Thailandia Frontiere aperete ai  turisti vaccinati il primo novembre. Lo ha annunciato il primo ministro del Paese asiatico, Prayut Chan-o-cha, sottolineando che dal primo dicembre riapriranno anche i luoghi di intrattenimento. 

Usa  Merck & Co Inc ha chiesto l'autorizzazione per l'uso di emergenza negli Stati Uniti della sua pillola per il trattamento di pazienti con sintomi 
Covid da lievi a moderati
. Il trattamento, molnupiravir, è stato sviluppato con Ridgeback Biotherapeutics.

Covid, Sydney in festa: lockdown finito dopo 4 mesi e il 70% di popolazione vaccinata

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?