Strage di Erba, sotto accusa il magistrato che vuole riaprire il caso. Cosa può succedere ora

Procedimento disciplinare nei confronti di Cuno Tarfusser, il magistrato della Procura di Milano che ritiene errore giudiziario l'ergastolo inflitto ai coniugi Olindo Romano e Rosa Bazzi

Il magistrato Cuno Tarfusser, Olindo Romano e Rosa Bazzi condannati all'ergastolo per la strage di Erba
Il magistrato Cuno Tarfusser, Olindo Romano e Rosa Bazzi condannati all'ergastolo per la strage di Erba

Milano, 18 luglio 2023 – Procedimento disciplinare nei confronti di Cuno Tarfusser dopo la denuncia di una dirigente della Procura generale di Milano per un conflitto insorto con il magistrato che ritiene errore giudiziario l'ergastolo inflitto ai coniugi Olindo Romano e Rosa Bazzi per la strage compiuta a Erba nel 2006.

La richiesta di revisione 

La competente Procura generale della Cassazione ha avviato il procedimento disciplinare non per la fondatezza o meno della messa in dubbio degli ergastoli, ma per il modo di farlo. A Tarfusser viene contestato (sulla scia di quanto lamentato appunto dal suo capo Francesca Nanni) di aver “violato i doveri di correttezza, riserbo ed equilibrio” quando il 31 marzo depositò di propria iniziativa in cancelleria la richiesta di revisione della condanna definitiva dei due ergastolani, “in palese violazione del documento organizzativo dell'ufficio che assegna all'avvocato generale e al procuratore generale” (che in caso di dissenso ha l'ultima parola) "la facoltà di richiedere la revisione di sentenze" qualora sopravvengano nuove prove d'innocenza.

Nuove prove

Il sostituto pg milanese Tarfusser è disciplinarmente accusato di avere, appunto senza alcuna delega dal capo, per mesi tenuto contatti con i difensori Fabio Schembri e Paolo Sevesi, e da essi ricevuto consulenze scientifiche sulle asserite nuove prove a favore dei coniugi Romano-Bazzi: sulla cui base Tarfusser ha poi scritto e depositato a Nanni (per il successivo inoltro alla Corte d'Appello di Brescia sinora non avvenuto) una richiesta di revisione degli ergastoli inflitti alla coppia per il quadruplice omicidio nel 2006.

In Cassazione

Tarfusser è stato interrogato a Roma nel disciplinare dal sostituto pg di Cassazione Simone Perelli, di fronte al quale ha ritenuto di rivendicare la propria imparzialità nell'accertare anche possibili circostanze a favore degli imputati, e l’assurdità a suo avviso di far dipendere dall'interpretazione di un regolamento interno la sorte dei due ergastolani che ritiene innocenti: osservazione che deve a sua volta confrontarsi però con esigenze di omogeneità , pena uno scenario nel quale ogni legale andrebbe a cercare con il lanternino un pg convinto dell’erroneità di condanne definitive e disposto a chiederne la revisione.