Poliambulanza, uno strumento per curare i disturbi del sonno

Inaugurato a Brescia un nuovo strumento diagnostico per i disturbi del sonno nei bambini, donato dall'associazione L'Arcobaleno di Nicole, intitolata a una bambina deceduta. L'associazione si impegna a prevenire patologie neurologiche e sostenere i reparti ospedalieri.

Da una tragedia, un segno di speranza per tanti altri bambini. È stato inaugurato nell’Unità operativa di pediatria di Fondazione Poliambulanza un nuovo strumento diagnostico, destinato ad intercettare disturbi del sonno nei piccoli pazienti, grazie al contributo de L’Arcobaleno di Nicole.

L’associazione è intitolata a Nicole Zacco, morta a 4 anni, il 5 aprile 2018, per un’infezione cerebrale insorta in seguito a un’otite. Reni e fegato sono stati donati e ora vivono in altri bimbi. I genitori, Alessandra Solazzi e Mattia Zacco, hanno voluto realizzare un’associazione per inserire medici pediatrici in scuole ed asili per poter individuare e prevenire patologie neurologiche, sostenere i reparti ospedalieri di terapia intensiva e neurologica con macchinari e fondi, tramite L’arcobaleno di Nicole, nata il 21 novembre 2018. Il monitor polisonnografia è uno strumento indispensabile per lo studio dei disturbi del sonno.

"Non ci sono Pediatrie a Brescia che eseguono con routine questi test - spiega Mattia Zacco -. Per questo l’associazione è felice oggi di donare questo strumento tanto prezioso ad un ospedale che con il suo reparto dedicato ai più piccoli è molto vicino ai loro bisogni".F.Pa.