L’allarme della Polizia locale: "Troppi ubriachi alla guida"

Il comandante della Polizia Locale di Como, Vincenzo Aiello, sottolinea l'importanza dell'evoluzione del corpo senza perdere il contatto umano. Nonostante la riduzione dell'organico, il Corpo ha registrato un aumento degli interventi, in particolare per violazioni del codice della strada.

L’allarme della Polizia locale: "Troppi ubriachi alla guida"

L’allarme della Polizia locale: "Troppi ubriachi alla guida"

"Una città che cambia ha necessità di una Polizia Locale che si evolva senza perdere di vista le proprie radici, poiché se da un lato gli strumenti tecnologici sono un ausilio indispensabile per il presidio del territorio, d’altro non si deve mai dimenticare il valore indispensabile della relazione con l’utente, quel tratto di sensibilità tipico della donna e dell’uomo in uniforme, utile nello scegliere al meglio le opzioni di intervento. È fondamentale essere accanto, vicini e pronti a chi ne ha bisogno". Le parole del comandante della Polizia Locale di Como, Vincenzo Aiello, pronunciate ieri in occasione delle celebrazioni per il 155° anniversario di fondazione, sono state la premessa per illustrare i risultati ottenuti dal Corpo nell’ultimo anno, pur con l’evidente problema, comune a tutte le pubbliche amministrazioni, della progressiva riduzione dell’organico. "Il Comando – ha precisato il comandante – è attualmente è composto da 69 unità, di cui 10 ufficiali e 59 agenti, 4 dei quali distaccati presso altre amministrazioni. Erano 78 nel 2023 e 86 nel 2019". Nell’ultimo anno sono state svolte 19mila e 385 ore di servizio appiedato, ricevute 37mila e 534 telefonate, pari al 66 per cento in più rispetto all’anno precedente, con una media di 100 al giorno, mentre gli interventi sono stati 25mila e 241, anche questi in aumento. Tra le tante attività a cui fa fronte la polizia locale, sono risultate in aumento le violazioni del codice della strada, più di 100mila nell’ultimo anno, con 1022 rimozioni di veicoli, 74 fermi amministrativi , 233 sequestri per mancata copertura assicurativa e 128 patenti ritirate.

"Un dato che induce approfondite riflessioni – ha sottolineato Aiello - è la guida sotto l’effetto di alcool, per la quale si è passati dai 54 a 124 casi, di cui 36 con sinistri stradali". Pa.Pi.