ROSELLA FORMENTI
Cronaca

Valentina Di Mauro uccisa a coltellate dal compagno, l’addio nella "sua" Varese

Comunità sotto choc per l'omicidio, a Cadorago, della 33enne

Valentina Di Mauro

Valentina Di Mauro

Cadorago (Como), 31 luglio 2022 -   Saranno celebrati domani 1 agosto a Varese, alle 15,30, nella chiesa parrocchiale di San Carlo i funerali di Valentina Di Mauro, la giovane donna, 33 anni, uccisa a coltellate all’alba di lunedì 25 luglio da Marco Campanaro, 37 anni, il compagno con cui conviveva da due anni a Cadorago, nel comasco. Sono due comunità , quella di Cadorago e quella di Varese, dove Valentina era nata e cresciuta e dove nel rione Bizzozero vivono i familiari, unite nel dolore di fronte alla tragica morte della giovane donna, innamorata della vita, sempre sorridente, positiva, a cui tutti volevano bene per la sua dolcezza.

All’alba di lunedì 25 luglio nella casa di Cadorago quel sorriso dolce è stato spento per sempre dalla furia omicida del compagno, dell’uomo che amava e di cui si fidava, una coppia serena, secondo i parenti e gli amici, mai un litigio tra i due, sentito dai vicini di casa, una tragedia che nessuno poteva immaginare. A Varese, nella chiesa parrocchiale in viale Borri in tanti domani si stringeranno ai genitori, alla sorella, al cognato e all’amato nipote per l’ultimo abbraccio, a Cadorago invece il Comitato dei borghi ha proposto di dedicare davanti al municipio una panchina rossa alla giovane donna, ennesima vittima di femminicidio. "Siamo tutti increduli e sgomenti di fronte alla tragica morte di Valentina – dicono – non dobbiamo e non possiamo dimenticarla". La giovane donna aveva molti amici,a Cadorago, e a Varese, nel rione dov’è cresciuta, per chi l’ha conosciuta "una persona speciale".

Impossibile per ognuno di loro credere che non ci sia più, che Valentina, che sapeva regalare dolcezza e gioia di vivere sia stata tolta agli affetti più cari e agli amici in un modo così brutale proprio dall’uomo che lei amava. L’autopsia ha confermato l’efferatezza del delitto, il convivente l’ha colpita con venti coltellate. Sui social molti i messaggi dedicati alla giovane donna, toccanti le parole di un amico "tu eri davvero una persona buona, mite e gentile,voglio immaginarti sorridente, senza dolore, immersa nell’Amore in cui credevi mentre da dove sei ora aiuti, come sempre facevi qui, la tua famiglia a superare questo momento". E ancora un’amica "ti ricorderemo sempre con il tuo sorriso innocente e raggiante". Quel sorriso che la mano omicida del compagno ha spento per sempre e oggi è un ricordo straziante nel cuore di chi le ha voluto bene. Domani alle 15, 30 nella chiesa di San Carlo a Varese i funerali, alle 15 il rito funebre sarà preceduto dalla recita del Rosario.