Livigno, spaccio di hashish e marijuana: arrestato 17enne

Sorpreso dai carabinieri alla fermata degli autobus con un atteggiamento nervoso e sospetto: scatta la perquisizione

Carabinieri di Livigno

Carabinieri di Livigno

Livigno (Sondrio), 26 gennaio 2024 - Nella serata del 24 gennaio - ma la notizia è stata resa nota soltanto poco fa - i Carabinieri della caserma di Livigno, dipendenti dalla Compagnia di Tirano guidata dal capitano Riccardo Angeletti, hanno arrestato in flagranza di reato un diciassettenne, residente in alta valle, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, i militari, nel corso di servizio perlustrativo finalizzato anche alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti, nel corso della serata hanno proceduto, nei pressi della stazione degli autobus, al controllo di un giovane e, notandone l’atteggiamento scostante e nervoso, hanno proceduto ad effettuare una perquisizione personale, rinvenendo circa un etto di stupefacenti tra hashish e marijuana. La successiva perquisizione domiciliare ha consentito di scoprire ulteriori 60 grammi di hashish.

Essendo la quantità dello stupefacente rinvenuto ampiamente superiore al livello massimo, stabilito per legge, per considerarlo detenuto per uso personale, e tenuto conto delle circostanze (lo stupefacente era già suddiviso in involucri/dosi sigillate con del cellophane), il ragazzo è stato tratto in arresto per detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Il minorenne è stato quindi condotto nella sua abitazione in regime di arresti domiciliari e posto a disposizione della Procura minorile di Milano in attesa dell’udienza di convalida.