Sondrio, 1 giugno 2018 - Frana di Gallivaggio: questa mattina, venerdì 1 giugno,  in Prefettura a Sondrio si è tenuta una riunione presieduta dal Prefetto,  Giuseppe Mario Scalia, a cui hanno partecipato molteplici Istituzioni ed enti, al fine di concordare ulteriori misure ed azioni da porre in essere in seguito al recente crollo della parete rocciosa. Il prefetto, il presidente della Provincia e il presidente della Comunità Montana della Valchiavenna hanno ringraziato tutti per l’impegno, la grinta e la costanza messa in atto in questo periodo di emergenza, al fine di attenuare i gravi disagi che la situazione ha determinato.

"Il presidente della Provincia e il presidente della Comunità Montana della Valchiavenna hanno rappresentato la fortissima esigenza di un’apertura della strada statale 36 nelle tre fasce di transito già in precedenza adottate, ovvero dalle ore 5 alle ore 8, dalle ore 12 alle ore 14 e dalle ore 18 alle ore 21, con presidio visivo di personale tecnico - si legge nella nota diffusa dalla Prefettura -. Su tale aspetto c’è stata un’unanime condivisione alla luce dell’attuale stato di non grave pericolosità, certificato dagli esperti presenti.  Per le esigenze di approvvigionamento delle aree isolate e per le attività artigianali e commerciali della zona, la Prefettura disporrà il provvedimento di deroga al transito per i mezzi pesanti".

E domani nuovo vertice, questa volta nella sala consiliare di Palazzo Muzio, a cui parteciperanno anche il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, insieme agli assessori agli Enti locali, Montagna e Piccoli comuni, Massimo Sertori, e al Territorio e  Protezione Civile, Pietro Foroni.