“1944, Ottant’anni fa Le scrissi“. Lettere e cartoline in mostra

Cosio Valtellino A Cosio Valtellino una mostra di lettere inviate a casa dai soldati italiani fatti prigionieri nel corso della...

“1944, Ottant’anni fa Le scrissi“. Lettere e cartoline in mostra
“1944, Ottant’anni fa Le scrissi“. Lettere e cartoline in mostra

Cosio Valtellino

A Cosio Valtellino una mostra di lettere inviate a casa dai soldati italiani fatti prigionieri nel corso della Seconda Guerra mondiale. In occasione della Giornata della Memoria, l’associazione culturale èValtellina, in collaborazione con l’amministrazione comunale di Cosio Valtellino e A.n.p.i sezione Morbegno Bassa Valle, organizza una rassegna dal titolo "1944, Ottant’anni fa Le scrissi".

"Questa mostra ci consente di dare memoria alla storia e ai valori della nostra comunità - spiega Anna Tonelli, assessore alla Cultura e all’istruzione del Comune di Cosio Valtellino -. Si valorizzano e si portano alla conoscenza del pubblico la storia di una vita spezzata, i sentimenti patriottici, la preoccupazione per l’andamento del lavoro, della guerra e la lontananza dagli affetti". La mostra verrà inaugurata il 25 gennaio alle 20.30 all’oratorio Piergiorigio Frassati di Regoledo a Cosio Valtellino e rimarrà aperta fino a domenica 28. Da giovedì 25 a sabato 27 gennaio in orario 9-12 e 14-16 e domenica 28 con orario 9-12. La collezione riguarda lettere e cartoline postali, della collezione privata di Luca Villa, scritte nel 1944 dai soldati prigionieri. Tra i quadri si potranno leggere anche alcuni componimenti a tema della poetessa Paola Mara De Maestri, responsabile del laboratorio poetico di èValtellina.