Scandalo Asm Pavia, annullati gli arresti domiciliari per l'ex presidente Manuel Elleboro

Prosegue l'inchiesta della Procura pavese sui presunti “appalti irregolari”. Insieme all’ex presidente, revocati i domiciliari anche per Chirico, direttore generale

L'ex presidente Manuel Elleboro all'uscita del Tribunale di Pavia
L'ex presidente Manuel Elleboro all'uscita del Tribunale di Pavia

Pavia, 22 dicembre 2023 – Il tribunale del riesame di Milano ha annullato oggi l'ordinanza che, lo scorso 27 novembre, aveva disposto gli arresti domiciliari per Manuel Elleboro, 52 Anni, ex presidente di Asm Pavia indagato per presunte irregolarità in appalti pubblici. Dietrofront anche per il collega Giuseppe Maria Chirico, 65 anni, direttore generale della stessa società: anche per lui, ieri, erano stati annullati i domiciliari.

Elleboro e Chirico non erano stati gli unici di Asm – società di servizi urbani, da rifiuti a decoro – a finire nell’occhio del ciclone: insieme a loro anche l'ingegner Gianluca Di Bartolo e Nausica Donato, responsabile dell'ufficio tecnico del Comune di San Genesio, tutti coinvolti nell'inchiesta della Procura di Pavia su presunti “appalti irregolari” che ha coinvolto gli ex vertici di Asm Pavia e l'amministrazione comunale di San Genesio.

“È una buona notizia, sono felice – ha commentato oggi l'avvocato Marco Casali, uno dei legali di Elleboro – è un primo passo verso il percorso che ci porterà a ripristinare la verità dei fatti”.

Quanto successo a fine novembre del 2023 non è stato il primo caso in cui la società con sede in via Donegani a Pavia si è trovata coinvolta: già tra il 2015 e il 2016 Asm era finita nella bufera. In quel caso, con l’accusa di peculato e di corruzione, erano stati arrestati l’allora presidente Giampaolo Chirichelli, il presidente di Asm Lavori Luca Filippi e il contabile Pietro Antoniazzi. L’accusa era quella di aver distratto fondi per un milione e 800mila euro che solo in parte sono stati restituiti all’azienda.