Anastasia Ronchi scomparsa a Pavia, la sorella le scrive sui social: “Fai la brava e muovi quelle pinne verso di me”

Micol Ronchi, sorella maggiore della ragazza scomparsa da mercoledì scorso, ha pubblicato su Instagram una lettera idealmente indirizzata ad Anastasia: “L’unica cosa che vorrei fare quando ti riacchiappo è portarti fuori a mangiare”

Da sinistra Micol Ronchi, la lettera pubblicata su Instagram e Anastasia
Da sinistra Micol Ronchi, la lettera pubblicata su Instagram e Anastasia

Continuano a scorrere impietose le ore e di Anastasia Ronchi, la ragazza scomparsa a Pavia mercoledì scorso, ancora non c’è traccia. Le ultime segnalazioni di avvistamenti arrivano dalla Toscana, una pista che la sorella maggiore Micol ha sentito subito come valida. La 16enne infatti si era da poco trasferita in Lombardia dalla Toscana, ragione per cui la sorella speaker radiofonica pensava che “potesse essere lì per tornare dai suoi amici. Manifestava questa mancanza”.

Micol nella notte ha pubblicato nelle sue storie Instagram (il suo account conta più di 67mila follower) una lettera aperta direttamente rivolta ad Ansastasia: “Che poi mica lo so se davvero non vedi i social perché non hai il telefono o se li guardi tramite qualcuno, che ovviamente ignoro chi possa essere”, attacca la speaker. “Però sappi che lo spavento che mi sto prendendo è tale che l’unica cosa che vorrei fare quando ti acchiappo è portarti a mangiare la pasta con le polpette di fianco a casa mia (porzioni enormi e scarpetta top class) di trascinarti dal parrucchiere a rifare il colore perché io lo so che avrai una ricrescita orrenda e lo so che non ti piacerà per niente; e andare a prendere gli anfibi un po’ tamarri ma molto fighi che abbiamo trovato a settembre e che stranamente ti andavano, visto che con il 42 di piede che ti ritrovi non troviamo mai nulla che ti calzi. Ecco ragazza, se mi stai leggendo, fai la brava e muovi quelle pinne verso di me. Che se proprio devi “viverti il tuo film” io ho un paio di copioni da proporti migliori di questo qua. Perché lo sai, io sono un genio e tu quando non parti con il mood saccenza non sei male”.