La vittima Fjoralba Nonaj
La vittima Fjoralba Nonaj

Seregno (Monza Brianza), 26 Febbraio 2019 - Il giudice per le udienze preliminari Pierangela Renda ha condannato all'ergastolo per omicidio volontario premeditato e maltrattamenti in famiglia Bouchaib Frihi, il marocchino 35enne che il 30 maggio scorso ha ammazzato in auto davanti al loro figlioletto di 5 anni, sferrandole numerosi fendenti con un coltello da cucina al torace  Fjoralba Nonaj, la moglie albanese di 34 anni da cui si stava separando.

Il giudice ha accolto la richiesta di pena fatta dal pm  Michele Trianni, titolare delle indagini sul delitto. Al processo con il rito abbreviato si sono costituiti parti civili un tutore per il minorenne (che ora vive con i familiari della vittima), i genitori e i fratelli della 34enne, a cui il giudice ha riconosciuto il diritto al risarcimento dei danni con provvisionali da 100 mila a 50 euro. L'imputato, che dopo l'omicidio si era costituito ai carabinieri e che è ancora detenuto in carcere, aveva chiesto di venire sottoposto a perizia psichiatrica sostenendo di essere incapace di intendere e di volere al momento del fatto, ma la richiesta è stata respinta dal giudice.