L’eccellenza in corsia. I super chirurghi che restituiscono il sorriso ai bambini

Accordo con la Fondazione Smile House per i casi più complessi. Una rete di medici pronta a intervenire sui piccoli pazienti. per curare le malformazioni congenite del cranio e della faccia.

L’eccellenza in corsia. I super chirurghi che restituiscono il sorriso ai bambini
L’eccellenza in corsia. I super chirurghi che restituiscono il sorriso ai bambini

Il San Gerardo diventa l’ospedale del sorriso. Centro d’eccellenza nella rete delle sette strutture per la diagnosi e la cura delle malformazioni cranio-facciali. A Monza arriveranno i casi più complessi che necessitano di intervento chirurgico. Ieri è stato sottoscritto il protocollo d’intesa, della durata di 5 anni, tra la Fondazione Smile House che supporterà economicamente l’Irccs San Gerardo nella creazione di un Centro assistenziale multidisciplinare “Smile House“ per bambini e ragazzi nati con malformazioni cranio-facciali, dalla diagnosi prenatale, fino al termine dello sviluppo psico-fisico e all’età adulta. "Un’opportunità – sottolinea il presidente dell’Irccs San Gerardo Claudio Cogliati – per svolgere la formazione professionale e aggiornamento dei medici e del personale sanitario, sostenere la ricerca scientifica sulle nuove tecnologi e percorsi terapeutici multidisciplinari".

È stato scelto il San Gerardo perché ha già una pediatria super specializzata e un’esperienza di 40 anni nella chirurgia maxillo facciale. Ciò permette di ridurre gli interventi chirurgici a 4 o 5 lungo l’arco di crescita, invece di 7 o 8, oltre ad altrettanti per correggere interventi fallimentari, fatti in centri con una casistica limitata. Al San Gerardo si effettuano dai 70 ai 100 interventi all’anno di chirurgia maxillo facciale (sui 16mila interventi programmati dell’intero ospedale), cioè il 20% del totale italiano. Una delle principali competenze mediche e chirurgiche afferite all’area pediatrica per la Fondazione Irccs è proprio la correzione delle malformazioni congenite del cranio e della faccia per cui il San Gerardo è membro della European Reference Network for Rare Diseases della Comunità Europea. Questa attività è il cuore del neonato reparto di malformazioni cranio-facciali in età pediatrica, diretta da Fabio Mazzoleni, centro di riferimento regionale, insieme alle strutture di neurochirurgia, diretta da Carlo Giussani e di chirurgia maxillo facciale, diretta Davide Sozzi, oltre a terapia intensiva ad indirizzo neurologico-neurochirurgico, terapia intensiva generale, neuroradiologia, neuropsichiatria infantile e la Fondazione TecnoMed dell’Università Bicocca. Il San Gerardo esporta le competenze, formando altri medici italiani, ma anche camici bianchi di India, Pakistan, Nepal, Nord Africa e dell’Est europeo (Albania, Macedonia, Ungheria, Croazia, Ucraina) che vorranno completare la formazione in quest’ambito, per dedicarsi anche al volontariato con la Smile House Fondazione ETS.

Le attività didattiche e la ricerca saranno parte integrante e funzionale del Centro, attraverso corsi, convegni e congressi in collaborazione con l’università e istituti di ricerca e progetti di ricerca. "L’avvio della Smile House Monza rappresenta un traguardo strategico per la Fondazione non soltanto per i pazienti e le famiglie italiane, ma anche in ambito internazionale per gli accordi della Fondazione stessa con la World Craniofacial Foundation americana e la piattaforma europea per gli aiuti umanitari della Società Europea di chirurgia cranio maxillo facciale", l’orgoglio di Domenico Scopelliti, vicepresidente della Fondazione Smile House.