BARBARA CALDEROLA
Cronaca

Addio rubinetti asciutti. Via alle nuove dorsali dell’autostrada dell’acqua

Serviranno due anni di intervento per creare 8,5 chilometri di condotte. Interessate le aree di Concorezzo, Lesmo, Arcore e Usmate Velate.

Addio rubinetti asciutti. Via alle nuove dorsali dell’autostrada dell’acqua

Addio rubinetti asciutti. Via alle nuove dorsali dell’autostrada dell’acqua

Addio rubinetti asciutti nel Vimercatese, BrianzAcque potenzia l’acquedotto realizzando due nuove dorsali, 2 anni di lavori per creare 8,5 chilometri di infrastruttura che servirà meglio famiglie e aziende dei comuni di Concorezzo, Lesmo, Arcore e Usmate Velate.

Un’opera complessiva che porta in dote anche una nuova tecnica di cantiere, No-dig, senza scavi per non interrompere le tre linee ferroviarie che saranno incrociate: Monza-Calolziocorte, Monza-Molteno e Seregno-Carnate. L’investimento per migliorare la qualità della vita e prevenire gli effetti del cambiamento climatico è di 5,8 milioni. La prima condotta in ghisa sarà posata fra Usmate e Arcore, da via della Brina all’incrocio tra via Gilera e via Fumagalli. "Così collegheremo la rete di distribuzione arcorese alla linea in esercizio dei vicini – spiega il gestore del ciclo idrico –. I lavori saranno conclusi entro i primi mesi del prossimo anno". Dopo l’estate, la seconda parte del progetto prevede di connettere il reticolo esistente di Burago-Concorezzo con l’acquedotto di Concorezzo, Villasanta e Lesmo. Un intervento che arriverà in porto nel primo scorcio del 2026.

"Il piano è parte di un programma originario per garantire funzionalità alla distribuzione anche in condizioni critiche degli acquedotti – spiega il presidente Enrico Boerci – . Ma non è il solo obiettivo, vogliamo infatti anche migliorare la qualità delle acque e la resistenza della rete contro la siccità in aumento. Dove necessario, saranno create nuove tubature". Dietro a tutto una filosofia ribadita ogni volta che operai e ingegneri scendono in campo: "Mettiamo a punto tutti gli strumenti che ci permettono di governare al meglio la variabilità del clima con l’ideazione di opere capaci di tutelare la risorsa idrica, di rendere i nostri territori più resilienti e di rigenerarli in chiave innovativa e sostenibile". Fra le novità di questo intervento anche la disponibilità di un sito internet (www.nuovadorsalebrianza.it) interamente dedicato ai lavori per informare i cittadini sul loro stato di avanzamento e sulle attività svolte nei singoli comuni. "Lo scopo – sottolinea il gestore – è facilitare la comprensione di tutti per una reciproca collaborazione. Sulle pagine web verrà raccontata, passo dopo passo, la nascita dell’infrastruttura coinvolgendo i cittadini nelle attività di cantiere".