Turismo immersivo e detox: i trend alla Bit 2024

Milano, la fiera apre il 4 febbraio: 1.100 espositori da 66 Paesi. “Verso affari superiori al 2019”. Boom del lusso, agenzie di viaggio in ripresa

Bormio, i bagni vecchi
Bormio, i bagni vecchi

Corposi assaggi dell’anno che verrà, anzi che c’è già. Perché i segnali ci sono tutti, adottati e rilanciati dalla Bit, il primo trademark del turismo italiano nel mondo che si prenderà la scena all’Allianz MiCo di Milano tra il 4 e il 6 febbraio: c’è una domanda esponenziale di esperienze immersive in località non contaminate dall’overtourism.

C’è una richiesta sempre più insistente di vacanza detox e rigenerative, liberate dalla compulsiva dipendenza da smartphone e social; e c’è un interesse dichiarato per un turismo sostenibile. Della serie: non sarà solo un 2024 da record, con una movimentazione di traveller superiore perfino al brillante 2019, come sembrano pronosticare gli esperti del settore e gli stessi dirigenti di Fiera Milano.

Per l’Italia, top destination del travel globale, saranno 12 mesi di autentico “laboratorio di analisi” delle nuove tendenze, quelle che stanno consegnando agli operatori ma anche ai consumatori il nuovo profilo dei vacanzieri.

I trend

Certamente gli stranieri (tantissimi) che hanno permesso al Belpaese di archiviare un 2023 da oltre 118 milioni di arrivi e 397 milioni di presenze. Ma anche gli italiani che hanno comunque confermato l’opzione preferenziale per il turismo di prossimità ricominciando però a gustare anche il privilegio di viaggi all’estero. Consegnando agli annali chiavi di lettura illuminanti: il boom dell’ospitalità di lusso (+15% del fatturato per gli hotel 5 stelle); la ripresa del “turismo organizzato” dopo anni di crisi delle agenzie di viaggio; l’attenzione dei consumatori al rapporto “qualità/prezzo”, fattore chiave nella scelta delle destinazioni, peraltro appesantito dalle recenti impennate del costo dei biglietti aerei; e il successo dei soggiorni in strutture extra-alberghiere, nei camping e nei glamping, sintesi riuscita fra vacanza nella natura e comfort di elevato standard. Ovvio, temi che finiranno sotto i riflettori della Bit, sismografo del turismo ma anche hub acclamato da operatori e buyer per la sua capacità di decodificare le dinamiche tra domanda e offerta ma anche di leggere i nuovi trend.

La 44ª edizione

Di sicuro una 44ª edizione da ricordare, segnata com’è dall’alleanza appena sottoscritta da Fiera Milano con una potenza del turismo nazionale come Welcome Travel Group, rete che riunisce, tra gli altri, due colossi come Alpitour World e Costa Crociere.

La manifestazione verrà inaugurata domenica (giornata di apertura anche al pubblico) alla presenza del ministro per il Turismo Daniela Santanché e si svilupperà nell’arco dei tre giorni unendo alla nutrita schiera degli espositori (oltre 1100 da tutt’Italia e da 66 Paesi) un panel invidiabile di incontri e workshop sui grandi temi di attualità come il ruolo dell’Intelligenza Artificiale nei viaggi, star assoluta di una kermesse che convocherà tutti i maggiori player del settore (Astoi, Federazione Turismo Organizzato) seguendo il palinsesto “Bringing Innovation into Travel”.

Previsioni

Le previsioni per il 2024? Indizi eloquenti arrivano da Gattinoni Group e dal suo general manager Sergio Testi: vendite con un trend di crescita a due cifre, lungo raggio balneare in ripresa, Mar Rosso che regge alla grande a dispetto delle tensioni in Medio Oriente e Usa e Oriente a intercettare il gradimento di una clientela alla ricerca di experience originali.

Come ricordato ieri da Simona Greco, direttrice manifestazioni di Fiera Milano e da Magda Antonioli, vicepresidente della European Travel Commission, i viaggiatori dell’era digitale desiderano lo stacco e la decompressione all’insegna di un turismo fatto di «persone e sostenibilità»; e ricercano mete che rispecchino i loro valori ma che siano anche in grado di favorire la cosiddetta “Mental Wellness”. Tra le nicchie più interessanti, il turismo del sonno e quello in solitaria, il forest bathing e i soggiorni in location dove il silenzio aiuti ad evadere dalla prigione emotiva in cui siamo spesso rinchiusi. Banale solo all’apparenza: si parte per guardare attorno ma anche dentro sé stessi. E per tornare più felici.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro