Nuovo stadio, il Milan sceglie l’area La Maura. Il no di consiglieri comunali e comitati

In mattinata l’incontro di Gerry Cardinale e dello staff rossonero con il sindaco Sala. Nel pomeriggio il faccia a faccia con il presidente Fontana

Milano, 23 marzo 2023 – Il Milan ha scelto l’area La Maura per il suo stadio senza condivisione con l’Inter e saluta San Siro. E’ questo il risultato del faccia a faccia di oltre un’ora a Palazzo Marino tra il sindaco Giuseppe Sala, Gerry Cardinale, proprietario di RedBird, Paolo Scaroni, presidente del Milan e l'ad dei rossoneri Giorgio Furlani. 

Silenzio in casa Milan al tremine dell’incontro mentre invece ha parlato il sindaco Beppe Sala

La scelta rossonera

"Il Milan conferma la volontà di procedere su La Maura. Quello che ho chiesto è che innanzitutto, siccome abbiamo una discussione aperta e formale sull'ipotesi dello stadio vicino a San Siro, se non intendono procedere lo devono formalmente confermare”. “Io ho ribadito che prendo atto del loro interesse, quello che  serve è un progetto - ha aggiunto - loro ritengono che in un paio di settimane potranno portarmi un progetto di massima e quello che chiedono in termini di nostri passi formali per avviare il procedimento”.

Richiesto un passo formale

"L'ho spiegato alle squadre - ha aggiunto - Il tema è: se non c'è un passo formale di interesse io di più non posso fare, non posso avviare discussioni con il Parco Sud sulla base di un interesse manifestato informalmente".

La procedura

Dovrà esserci poi un passaggio in consiglio sull'opzione dell'ex Ippodromo: "Questo senz'altro - ha confermato Sala - ma il problema non è solo il Consiglio comunale, è evidentemente nel Parco Sud. Quindi bisogna capire cosa dice il Parco Sud. Li' c'e' un'area verde molto importante, quanta ne rimarrà? Ho bisogno di un progetto per avviare il confronto con la politica e con il resto delle istituzioni".

Incontro con Fontana in Regione

Nel pomeriggio il tour milanese di Gerry Cardinale è proseguito  a Palazzo Lombardia dove ha incontrato il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana.  “Gerry Cardinale mi ha presentato il progetto del nuovo stadio che vorrebbe realizzare nell'area La Maur' a Milano. Un incontro cordiale e positivo, che mi ha fatto comprendere a pieno le intenzioni della società rossonera", ha spiegato dopo l’incontro Attilio Fontana. Il governatore lombardo ha poi accompagnato Cardinale anche sul terrazzo più alto di Milano al 38esimo piano di Palazzo Lombardia. "Nel mostrargli San Siro- conclude Fontana- da grande tifoso rossonero, ho dato appuntamento a Cardinale per la gara di Champions League Milan-Napoli, senza aggiungere altro"

Le reazioni dei consiglieri comunali

Immediata la risposta del fronte del no allo stadio a La Maura. “"Il sindaco dichiara che non può ignorare l'opzione su La Maura come luogo dove far costruire il nuovo stadio al Milan. Tutto ciò ignorando: un ordine del giorno firmato da 17 consiglieri di maggioranza che esclude tale ipotesi, 3000 cittadine e cittadini che domenica scorsa hanno "abbracciato" la pista della Maura, a difesa e a ringraziamento di un simile polmone verde cittadino, un ordine del giorno del Municipio 8, sul cui territorio si trova La Maura, a difesa della vocazione solo ad area verde di tale luogo. Ma poi che fine ha fatto il piano (altrettanto ambientalmente insostenibile) di demolire San Siro è di costruirci vicino un nuovo impianto, oltre al centro commerciale e grattacieli? 4 anni di dibattito consigliare e un dibattito pubblico dal costo di 300.000 euro che la città si sarebbe volentieri risparmiata, vista la totale inutilità. Ovviamente ribadiremo la nostra contrarietà al progetto di lottizzare il polmone verde della Maura con una colata di cemento nelle opportune sedi istituzionali”, hanno dichiarato i consiglieri comunali milanesi Alessandro Giungi, Simonetta D'Amico, Natascia Tosoni e Monica Romano. 

"Su La Maura –  ha detto Carlo Monguzzi, capogruppo dei Verdi in Comune, in un post sui social – chiediamo un no a priori, perché a Milano non si deve permettere una colata di cemento in un'area verde tutelata dal Parco Sud. Á contro la logica, è contro l'ambiente, contro il programma elettorale e contro tutti i piani del Comune Non dipende dalla bellezza o meno del progetto. Chiediamo al sindaco di fermarsi prima, se no con quale maggioranza porterà avanti questo scempio del territorio della città?".

I comitati

"Il 28 marzo al Parco Sud per dire no a qualunque variante", fanno sapere dal Coordinamento di associazioni e comitati contrari all'edificazione dell'impianto nel verde ippico del Parco Sud, che dopo la manifestazione dei tremila alla Maura di domenica scorsa, "oggi hanno chiesto ed ottenuto un incontro con i vertici dell'Ente Gestore Parco Sud, che si svolgerà martedi' 28 marzo: sarà una nuova tappa verso la mobilitazione del territorio contro l'ipotesi di realizzare un nuovo stadio nel sistema verde del Parco Ovest". Tra loro c'è Enrico Fedrighini, consigliere comunale riformista della Lista civica per Beppe Sala, autore di una delle due mozioni su San Siro che il Consiglio comunale sarà chiamato a discutere. Fedrighini non sarebbe l'unico riformista milanese contrario al progetto del club rossonero,