Milano, bimba di 17 mesi ustionata con spray: la mamma condannata a 4 anni

L’accusa è di maltrattamenti aggravati e lesioni sulla figlia. La perizia psichiatrica ha riconosciuto la 27enne “capace di intendere e di volere”

Una bimba di alcuni mesi (Foto archivio)

Una bimba di alcuni mesi (Foto archivio)

Milano, 10 gennaio 2024 – Una condanna a 4 anni di reclusione per la 27enne arrestata il 3 febbraio dello scorso anno per maltrattamenti aggravati e lesioni sulla figlia di 17 mesi. La donna, stando alle indagini della Squadra mobile di Milano e del pm Pasquale Addesso, spruzzava spray deodorante a distanza ravvicinata provocando lesioni e ustioni sulla pelle della piccola.

La sentenza è stata emessa stamani dal gup di Milano Luca Milani, che ha dichiarato anche decaduta la potestà genitoriale della donna sulla piccola, che sta per essere adottata e alla quale è stata riconosciuta una provvisionale di risarcimento di 30mila euro.

La bimba, negli ultimi sei mesi prima dell'arresto della madre, era stata ricoverata in tre ospedali, tra Varese e Pavia, e poi al Policlinico di Milano, dove i medici si erano accorti che quelle lesioni potevano essere state causate dalla madre.

Gli investigatori hanno piazzato delle microcamere che hanno registrato i momenti in cui la donna causava le ferite alla bimba. Ed è scattato l'arresto.

La donna è stata in carcere fino a qualche mese fa e poi le sono stati concessi i domiciliari con braccialetto elettronico e si sta curando. Una perizia psichiatrica, affidata al medico legale Mara Bertini, disposta dal gup, ha accertato che la madre "si trovava in una condizione di significativo disagio emotivo”, con una “sindrome di Munchausen”, ma le “condizioni cliniche globalmente rilevate” non erano “gravi” e non hanno determinato una “infermità mentale”. È stata riconosciuta quindi capace di intendere e volere.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro